OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CHI STA AL POTERE PRENDE I GERMI DEL POTERE ( Massimo Giletti )

QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici


SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


lunedì 13 luglio 2020

TRAVAGLIARE SINONIMO DI LAVORARE - TRAVAGLIO SINONIMO DI  BRAVO GIORNALISTA?!?!


Come diceva il grande Gino Bartali “ gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare “ da tanto, tantissimo tempo questa frase io la metto in relazione al modo ed alle  persone che governavano, governano e, purtroppo, governeranno questa nostra povera Italia. Per queste considerazioni ho sempre privilegiato la stampa che metteva sotto accusa il malgoverno a prescindere dalla colorazione politica. Girando e rigirando la piazza giornalistica-telematica approdai al Fatto Quotidiano i cui articoli erano da me condivisi sia per la forma che per la sostanza. Devo dire che per avere un’informazione molto vicina alla realtà leggevo e leggo tutti i giornali ai quali accedo col mio PC. In breve tempo, pagando la quota associativa, ne divenni socio sostenitore. Tutto bene fino all’ associazione. Il giornale lo leggevo bene prima della mia adesione, mentre non appena diventai socio sostenitore mi venne impedita la consultazione. Chiamai l’amministrazione del Fatto lamentando la situazione ricevendo una spiegazione agghiacciante: “” lei, caro amico per leggere il giornale si deve abbonare, può in ogni caso leggere il giornale di sette giorni prima””! Un regalo al limite dell’imbecillità! Che gioia leggere un giornale di sette giorni prima! Detto questo aggiungo che dal momento che unanimemente si predica che le cose da noi non vanno per niente bene sarebbe logico conoscerne le ragioni e sapere se come porvi rimedio. La stampa che disattende queste unanimi percezioni si erge a difensore degli indifendibili provoca minimo un’orticaria e un disagio intellettuale per non poter vedere una via di uscita.
Il Fatto quotidiano diretto a Marco Travaglio è il giornale gran cassa del duo Conte Casalino che solo a guardarli ed a sentirli mi provoca un disgusto direttamente proporzionale alle gioiose e convinte sciocchezze che declamano in ogni dove. Il giornale è diventato servo del potere dal quale ha incassato notevoli aiuti indispensabili alla sopravvivenza. Il simpatico Travaglio è diventato antipatico col suo sorriso beffardo e sarcastico. I nostri padri latini dicevano: conveniunt rebus nomina saepe suis (spesso i nomi sono appropriati alle cose/persone cui appartengono). Travaglio che significa? "Tormento continuato; lungo e continuo, periodo che precede il parto caratterizzato da dolori e contrazioni uterine, disagio, patimento". Come si vede queste definizioni ben si attagliano al “ bravo giornalista “!! Ora il Duo ha pensato di prorogare lo stato di emergenza per proteggere i cittadini dal virus corona al solo scopo di evitare assembramenti negli stadi, nei cinema, nelle chiese e guarda caso nelle competizioni elettorali. Si e è blindato il Conte e noi con lui privati del voto da tanto tempo atteso e disatteso con mille sotterfugi allo scopo di non consegnare o riconsegnare il paese alle destre che in tutti i sondaggi, al momento, risulterebbero vincitrici. Carissimi Conte Casalino lo sapete che il primo articolo della nostra Carta Costituzionale recita: «L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.» e che i DPC sono accettabili solo in caso di guerra allorquando si devono prendere decisioni gravi ed urgenti.
Credo invece che il Duo faccia riferimento ad un più cogente e cocente principio enunciato del grande Alberto Sordi nel film “ Il Marchese del Grillo “ Io so io e voi non siete un c…o!
Io aggiungerei “ caro Mattarella se ci sei….batti un colpo”!

Nessun commento:

Posta un commento