OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

giovedì 18 gennaio 2018

GENE GNOCCHI ED IL SUO STILE

Non posso tacere su quanto è successo nella trasmissione “ DI MARTEDI’ “ di questa settimana. Gene Gnocchi, che ho definito in un commento postato su un giornale del quale non ricordo il nome, comico della mutua, non mi ha MAI fatto ridere non riconoscendogli nessun carisma. Nessuna facies comica tanto che incontrandolo mi viene da dargli un obolo! Ci sono comici che fanno ridere soltanto a guardarli in faccia, altri che raccontano episodi e barzellette, altri che interpretano scenette in teatro o in qualche film. Gene Gnocchi potrebbe passare assolutamente inosservato e forse per questo ha voluto far ridere dando il nome di un essere umano per giunta deceduto addirittura ad un maiale. La cosa più sconcertante è stata che il conduttore Giovanni Floris ,faccia da iena ridens, ha riso della superba battuta dello Gnocchi!  So di essere limitato ma mi piacerebbe chiedere a Floris cosa c’era da ridere; io mi sforzo ma non trovo il benché minimo motivo! Ora è risaputo che Claretta Petacci ha avuto come “ colpa “ l’essersi innamorata di Benito Mussolini e innocente è stata falciata da una mitragliata assassina che ha spento la  sua vita. Benito Mussolini sposato a Donna Rachele è diventato poi amante di Claretta Petacci spedendo all’estero il di lei marito appunto per avere via libera per il novello amore. Claretta non solo Claretta, ma Claretta Petacci grazie all’arguzia di Gene Gnocchi ha dato il suo nome ad una scrofa che si cibava per le vie di Roma. Nessuno si è indignato, nessun religioso, nessun uomo politico ad eccezione di Alessandra Mussolini, la Boldrinova ha taciuto e tutte le femministe hanno fatto finta di non aver visto o sentito nulla! Ad oltre 70 anni dalla fine del regime fascista ci sono ancora quelli che godono nel vedere accomunato Claretta Petacci ad una scrofa !! Mi chiedo cosa sarebbe successo se quell’emerito comico sedicente avesse dato il nome di Nilde Iotti alla scrofa! Un po’ di cortei in qualche città, qualche sezione di Casa Pound data alle fiamme, un minuto si silenzio alla Camera o al Senato e così via! Come si dice “scherza con i fanti e lascia stare i santi” Non che Claretta sia santa o stata santa ma dare il suo nome ad una scrofa è semplicemente ripugnante. Gene Gnocchi si è presentato col suo biglietto da visita! Un emerito maiale !