OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

martedì 17 marzo 2015

Lasciate che la magistratura faccia il suo corso!

Questa è la frase che i politici più o meno vicini al lestofante ripetono con roboante retorica. Si, la magistratura faccia il suo corso!
Quale corso?
Il PM indaga, il GIP rinvia a giudizio, l’indagato va in carcere oppure agli arresti domiciliari. Gli avvocati ben pagati e professionalmente all’altezza della situazione cominciano a menar il can per l’aia sperando in una modifica del codice penale o nella prescrizione. Alla fine tutti assolti!
In questo Paese non esiste un’etica, non esiste il decoro della carica che si ricopre sempre ottimamente pagata. Il baciato dalla fortuna prospera beatamente ed i suoi ….vicini di banco o di casta non si accorgono di nulla. Una marea di ingenui o di collusi, tertium non datur!
La corruzione ha cambiato strategia. Non più direttamente il politico corrompe o si fa corrompere, bensì i capi delle burocrazie, coloro che devono concedere ed affidare, coloro che fanno il bello ed il cattivo tempo. La più grande mangiatoia è quella rappresentata dalle opere pubbliche. Nessuna opera pubblica è giunta mai a compimento rispettando i costi iniziali ed i tempi di consegna. Il costo iniziale comprende la percentuale da spartire tra coloro che con diverse attribuzioni prendono parte all’operazione. E sia, ma i voraci corrotti non si accontentano e autorizzando aumento dei costi ricalcolano a loro beneficio nuove percentuali. Come mai nessuno pone l’accento sul fatto che le nostre opere pubbliche costano più  o meno il doppio di quanto costano le opere simili all’estero? Un ministro che vive col suo modestissimo stipendio da ministro, ma che scorazza per il mar tirreno con la sua barchetta di 22 metri come mai non dà nell’occhio inducendo qualcuno a chiedersi come mai? Ho l’impressione che vi sia un sodalizio tra tutte le forze politiche che hanno come obiettivo il campa e lascia campare tanto è così che si è sempre fatto e così che si farà. Il governo e/o il Parlamento dovrebbero sia pure per salvar la faccia inasprire sensibilmente le pene, eliminare nel contempo ogni prescrizione per creare un po’ di sano panico tra coloro che corrompono o sono sul punto di corrompere. In un Paese dove la corruzione, il nepotismo ed il voto di scambio è ai massimi livelli si parla di salvaguardia della privacy, della eliminazione dell’angoscia  causata dalla lungaggine dei processi, dal vivere sotto la spada di Damocle della probabile condanna. Un ministro chiacchierato afferma di non aver mai chiesto nulla per se o per il figliolo, pur ammettendo che qualche regalo non richiesto è giunto a destinazione. Vi è inoltre la storia delle case acquistate ad un terzo del loro valore, mentre il saldo è stato versato ad insaputa dell’acquirente!
Sto leggendo un libro scritto da Travaglio e Gomez dedicato alla quasi totalità di politici semi sconosciuti e di gran peso, appartenenti a tutte le aree e sono rimasto sconcertato nel vedere l’impaginatura uguale per tutti:
1)    Nome e cognome
2)    Studi completati
3)    Cursus honorum
4)    Trasformismo
5)    Frasi celebri ( alcune sconcertanti )
6)    Indagini alle quali è stato sottoposto
7)    Condanne ricevute
8)    Carcere evitato per prescrizione o indulto
Come è possibile che da questi soggetti si possa pretendere la vera lotta alla corruzione ed al nepotismo? Campioni di apparente onestà presi con le mani nella marmellata proprio quando con roboante retorica castigavano i costumi della società corrotta.

Parafrasando lo scrittore Marcello D'Orta dico “ io speriamo che me la cavo “!

giovedì 12 marzo 2015

I MESSAGGI DELLA MADONNA

Prima di ogni commento devo affermare di essere cattolico e praticante nei limiti del possibile. Ho conosciuto personalmente San Pio da Pietrelcina e sono rimasto colpito dalla sua figura e dalla sua ieraticità. Indimenticabili le sue Messe, specialmente l’ultima.
Da un po’ di tempo a questa parte abbondano le apparizioni mariane e questo potrebbe anche starci. Tempi duri, scristianizzazione, perdita della fede e quant’altro.
Ma , secondo me,  è inconcepibile che la Madonna appaia quasi quotidianamente per recare messaggi che, senza incorrere in blasfemia, sono di una banalità sconvolgente.
Ho assistito su RAI 1 alla cronaca di una apparizione ad Ischia ( bosco di Zoro ). Due giovincelle che asseriscono di vedere ed ascoltare la Madre di Dio, improvvisamente giungono le mani in preghiera, guardano fisse verso una direzione innanzi alla loro postazione, battono ripetutamente le palpebre che coprono uno sguardo perso, l’espressione del viso indecifrabile. Una di loro, quasi contemporaneamente all’altra, alza il braccio destro ed entrambe si lasciano andare giù come un sacco di patate ben raccolte da due assistenti che evitano loro di sfracellarsi al suolo.
Cosa ha dello la Madonna? Pregate figlioli perché mio Figlio è misericordioso e vuole la vostra salvezza. Io vi tocco e quando io vi tocco arrivano le grazie che con cuore sincero chiedete! Ovviamente ai piedi della statuetta della Madonna vi è un cestino per le offerte…..alla Madonna!
Non parliamo poi delle apparizioni di Medjugorje che durano da oltre trenta anni e che con i tanti messaggi fotocopia vengono annunciati ben dieci segreti che saranno svelati tre giorni prima della loro realizzazione. Ora mi chiedo se la Madonna è dalla nostra parte perchè ci sottopone a queste prove? Non potrebbe metterci in guardia prima dei tre giorni fatidici?
Vi sono apparizioni e fatti soprannaturali, come Lourdes, Fatima, Nostra Signora di Guadalupe e tante altre, ma mai si è verificato un così lungo periodo di apparizioni specialmente a persone che hanno modificato in meglio la loro esistenza.
Del resto anche Papa Francesco ha recentemente detto:
“Io conosco un veggente che riceve messaggi della Madonna. Ma, guarda, la Madonna è madre non è un capo ufficio della posta per inviare messaggi tutti i giorni”. Basterebbe da sola questa frase di Papa Francesco per smentire l’ennesima apparizione mariana! Dalla "mistica" di Reggio a Medjugorje, il Vaticano invita a sospendere i pellegrinaggi. Cautele che rispecchiano la posizione del nuovo papato.
Che poi nei luoghi delle apparizioni si accresca la fede, si progettino opere importanti come quella della costruzione di un ospedale a  Medjugorje, ( Paolo Brosio ) che si induca la gente al raccoglimento ed alla preghiera che si trovi la pace dello spirito che in alcuni casi consente la guarigione di qualche malattia, ben venga, ma che la Madonna si trasformi in un postino quotidiano questo mi è difficile da concepire.

domenica 8 marzo 2015

FILETTO DI MAIALE BRASATO

INGREDIENTI: FILETTO DI MAIALE: 600 GR. - SEDANO, CAROTA E CIPOLLA: 200 GR. CAD. - FUNGHI SECCHI IN POLVERE: UN CUCCHIAIO - VINO ROSSO: UN BICCHIERE DA VINO - FARINA, SALE E PEPE: QB. - DADO DA BRODO: UNO - OLIO EVO: MEZZO BICCHIERE DA ACQUA - AMIDO DI MAIS: UN CUCCHIAIO - AGLIO: UNO SPICCHIO

TEMPO 180 MINUTI -       DIFFICOLTA’ : FACILE -      DOSI PER 5 PERSONE     

Infarinare il filetto di maiale dopo averlo privato dell'eventuale grasso e dei filamenti esterni di tessuto. Porre al fuoco una casseruola anti aderente e versarvi l'olio, l'aglio e dopo qualche minuto aggiungere il filetto di maiale bene infarinato. Rosolarlo per bene rigirandolo di tanto in tanto. Salare con moderazione e pepare. Quando è ben rosolato, eliminare l'aglio e sfumare col vino rosso. Quando il vino è evaporato aggiungere gli odori finemente tritati e cuocere a fiamma moderata aggiungendo un pò di acqua calda. Fare in modo che il filetto sia  sempre coperto di liquido per tre quarti della sua altezza e se il filetto è basso allora portare l'acqua fino alla sua sommità. Aggiungere il dado da brodo spezzettato. Rimestare spesso e cuocere con coperchio.

Ho parlato di funghi secchi in polvere che si ottiene frullando i fungi secchi fino ad ottenere una specie di farina. Aggiungere quindi un cucchiaio di polvere di funghi. Rimestare e continuare la cottura. Il sughetto non deve mai restringersi, quindi aggiungere sempre un pò di acqua calda. A dieci minuti dal fine cottura ( quando il filetto risulterà tenero e facilmente attraversabile da una forchetta o da un lungo spiedino ) aggiungere mezzo bicchiere di acqua calda nella quale si sarà disciolto un cucchiaio di amido di mais, cioè maizena. Togliere dal fuoco, lasciar raffreddare brevemente, ricavare dal filetto tanti medaglioni e tenerli immersi nel sughetto prima di servirli se mai accompagnandoli con un purè di patate.

sabato 7 marzo 2015



POVERA ROBERTA RAGUSA!

Non sono un avvocato conoscitore dei codici, sono un comunissimo uomo della strada che, seguendo le trasmissioni televisive e leggendo i giornali si è fatta la convinzione che Antonio Logli, marito fedifrago della povera Roberta Ragusa fosse gravemente implicato nella scomparsa e nell’uccisione della moglie.
Evito di indicare i più importanti indizi e riporto fedelmente le dichiarazioni del Pubblico ministero e della Procura:
IL PM: E' UN BUGIARDO PATENTATO Antonio Logli «è un bugiardo patentato»:
LA PROCURA: INDIZI GRAVI «Ci sono indizi gravi, precisi e concordanti: secondo noi Antonio Logli deve essere processato per omicidio volontario e distruzione di cadavere»
L'imputato - ha spiegato il procuratore facente funzioni di Pisa - si è tolto di mezzo una persona scomoda nel momento in cui ha capito che una separazione gli avrebbe fatto perdere tutto: la casa coniugale, i soldi, i figli e forse anche il lavoro. È in questo contesto che è maturato l'omicidio e questo è quello che ho spiegato al GUP»

Prima della pronuncia del GUP ho ascoltato anche la dichiarazione di uno psicologo che tratteggiava il comportamento del Logli compatibile per la commissione del delitto.
Quando ti aspetti che almeno il Logli fosse rinviato in giudizio per il dibattimento, dal quale per altro avrebbe potuto  anche essere scagionato, con una insoluta sicumera il GUP Giuseppe Laghezza emette uno sconcertante provvedimento di non luogo a procedere.
Secondo il GUP Logli è innocente, la moglie è in gita turistica alle Maldive e tutti potranno vivere felici e contenti.
Alle tonnellate di dubbi, di indizi gravi, precisi e concordanti si contrappone la ferrea convinzione di innocenza da parte del GUP. A casa senza nemmeno discutere! Allora mi domando sono fuori strada il PM, il GIP e la Procura oppure è il GUP che ha preso una cantonata? In ogni caso la magistratura ha dato ancora una volta dimostrazione di controverse decisioni.
Solo un marito che sa benissimo che la moglie non farà più ritorno può accogliere immediatamente in casa la sua amante in carica da più di sei anni. Sarebbe bastato solo questa considerazione non dico a condannare il Logli, ma a spedirlo dinanzi alla Corte di Assise. Ma questo è solo un pensierino di un modestissimo uomo della strada. Non sempre è indispensabile rintracciare il corpo della vittima per celebrare un processo, basti pensare agli innumerevoli casi di lupara bianca ed alle relative condanne. In questi casi, come è stato più volte affermato, è  stato sufficiente che gli indizi fossero gravi, precisi e concordanti uniti ovviamente anche alle attendibili testimonianze.
In ogni caso è possibile una revoca della sentenza di non luogo a procedere allorquando si scoprono nuove fonti di prova che, da sole o unitamente a quelle già acquisite, possono determinare il rinvio a giudizio. Speriamo !