OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

mercoledì 29 ottobre 2014

Passiamo ad altro argomento. Propongo una ricetta appena ideata.

RAGU' DI CONIGLIO E POLLO

INGREDIENTI: SEDANO: TRE GAMBI - CAROTA: UNA GROSSA - CIPOLLA: UNA MEDIA - CONIGLIO 600 GR. - POLLO: 300' GR. - ALLORO: UNA FOGLIA - POLPA DI POMODORO: UNO SCATOLO DA GR: 400 - PASSATA DI POMODORO: UNA BOTTIGLIA DA 75O GR. - OLIO EVO: 3/4 DI UN BICCHIERE DA VINO - VINO BIANCO SECCO: UN BICCHIERE DA VINO - SALE E PEPE: QB -  FINOCCHIETTO: UN CUCCHIAINO SCARSO DI SEMI

TEMPO 150MINUTI -       DIFFICOLTA’ : FACILE -      DOSI PER 5 PERSONE     

In un tegame anti aderente versare l'olio, la carota ed il sedano ridotti in piccoli cubetti. Cominciare la cottura a fuoco vivace. Dopo una decina di minuti aggiungere la cipolla ridotta alla stessa maniera. Quando le verdurine saranno leggermente appassite ( non molto ) aggiungere il coniglio ed il pollo.
Del coniglio ho usato le zampe anteriori più la gabbia toracica di un coniglio oltre alla metà di queste parti ovviamente prelevate da un altro coniglio. Del pollo ho usato un' aletta ed una sopra coscia. Cuocere a fuoco moderato dapprima con la padella coperta e successivamente senza il coperchio. Quando le carni saranno rosolate sfumare con il vino bianco unendo subito dopo la foglia di alloro. Regolare di sale e pepe ed aggiungere la polpa di pomodoro. Rimestare e cuocere per una decina di minuti, dopo di che aggiungere la passata di pomodoro e  la quantità di acqua contenuta nella mezza bottiglia della passata. Dopo cinque minuti aggiungere i semi di finocchietto e continuare la cottura per circa due ore rimestando spesso.

Condire con questo ragù pasta corta tipo rigatoni, penne o mezze maniche spolverizzando il tutto con formaggio pecorino ed un pizzico di peperoncino.
La carne ovviamente sarà un sontuoso secondo piatto.

domenica 26 ottobre 2014



Ieri all’alba Reyhaneh Jabbari è stata impiccata. Aveva 26 anni ed era accusata di aver ucciso il suo stupratore che l’aveva invitata a casa sua con la promessa di un posto di lavoro, ma con l’intenzione di violentarla. E lei aveva solo 17 anni !
Le suppliche mondiali non hanno fatto breccia tra i barbuti islamici, inflessibili e bene organizzati. Pensate che in Iran vi è il Ministero Per La Diffusione Della Virtù e quello per la Repressione Del Vizio.
Un paese che commina la pena di morte con lapidazione e con impiccagione è un paese civile?
In Pakistan un’altra giovane cristiana Asia Bibi è stata condannata a morte, condanna che molto probabilmente sarà eseguita tra qualche giorno. La sua unica ‘colpa’  è aver difeso il suo credo e, secondo alcune donne musulmane – operaie agricole come lei che la discriminavano e maltrattavano per la sua fede – aver offeso il profeta islamico Maometto durante una discussione.
Le donne in questi paesi civili sono considerate peggio delle bestie. Per un nonnulla vengono frustate a sangue tra la soddisfazione e l’ilarità degli astanti.
In Siria una donna adultera è stata condannata alla lapidazione e l’addetto al cerimoniale ha dato il via all’operazione alla quale ha partecipato anche il padre della sventurata al quale la poveretta aveva inutilmente implorato il perdono. Gli spettatori hanno gioito pensando all’esempio per le altre giovani donne che probabilmente avrebbero evitato di commettere adulteri.
La ragazza prima di morire è stata autorizzata a pronunciare alcune parole ( pensate neanche di fronte alla morte si può dire l’ultima parola se non dietro autorizzazione del cerimoniere ) che ha rivolto al padre, anzi a tutti i padri presenti per godersi lo spettacolo. Ha supplicato gli amorevoli genitori di vegliare sulle figlie e controllare le loro frequentazioni!!
Ho visto in un telegiornale per caso ( per me i video delle esecuzioni, lapidazioni e tagli delle teste non dovrebbero mai e poi mai essere trasmessi. Ma si sa l’audience! ) il video dell’ultimo incontro tra Reyhaneh Jabbari  e sua madre. Un incontro straziante oltre ogni limite.  Reyhaneh Jabbari  era vestita con un abito funereo ed era seduta, mentre la madre, similmente vestita, le era davanti inginocchiata e piangendo sconsolata le abbracciava le gambe. La figlia serena la consolava.
Reyhaneh Jabbari  è stata una persona eccezionale. Per salvarsi poteva dire che lo stupro non c’era stato, così come pretendeva il figlio dello stupratore. Avrebbe ottenuta salva la vita. Ha preferito morire. E’ stato proprio il figlio dello stupratore a dare il calcio alla sedia su cui la vittima sacrificale era stata fatta salire giusto per provocarne la morte. Alla sciagurata cerimonia purtroppo erano anche presenti – non so se dietro loro richiesta – i genitori di Reyhaneh e non posso immaginare lo strazio nell’assistere al calcio alla sedia ed al penzolamento del povero corpo!
In questi paesi civili la donna violentata ha pochissimo scampo. Se sopravvive alla violenza viene frustata per essersi congiunta a uomini, se reagisce uccidendo l’aggressore viene impiccata.
E poi vi è da noi chi si straccia le vesti se sente dire che la nostra civiltà è senza alcun dubbio migliore di quelle a grande predominanza islamica.
Reyhaneh Jabbari hai concluso la tua giovane vita con eroismo e dignità ora


Riposa in pace
rest in peace
بقیه در صلح

Il 27 ottobre 2014 è stata pubblicata la lettera di addio di  Reyhaneh Jabbari alla madre. Questa lettera consegna alla storia la grandezza di una sventurata giovane travolta da un destino terribile e  che ha voluto chiudere la sua esistenza terrena a testa alta, guardando in faccia al nemico chiedendo di lasciare in dono le ultime cose che aveva: le membra del suo corpo. Questa sua ultima richiesta le è stata negata, così come le sono stati negati  i  funerali. Da quella fossa si alza una luce vivissima che mai si spegnerà a dispetto dei suoi carnefici.

Ecco la lettera di addio:


"Cara Shole, oggi ho appreso che è arrivato il mio turno di affrontare la Qisas (la legge del taglione del regime ndr). Mi sento ferita, perché non mi avevi detto che sono arrivata all’ultima pagina del libro della mia vita. Non pensi che dovrei saperlo? Non sai quanto mi vergogno per la tua tristezza. Perché non mi hai dato la possibilità di baciare la tua mano e quella di papà?

Il mondo mi ha permesso di vivere fino a 19 anni. Quella notte fatale avrei dovuto essere uccisa. Il mio corpo sarebbe stato gettato in un qualche angolo della città e, dopo qualche giorno, la polizia ti avrebbe portata all’obitorio per identificare il mio cadavere, e avresti appreso anche che ero stata stuprata. L’assassino non sarebbe mai stato trovato poiché noi non godiamo della loro ricchezza e del loro potere. E poi avresti continuato la tua vita nel dolore e nella vergogna, e un paio di anni dopo saresti morta per questa sofferenza, e sarebbe finita così.

Ma a causa di quel colpo maledetto la storia è cambiata. Il mio corpo non è stato gettato via, ma nella fossa della prigione di Evin e nelle sue celle di isolamento e ora in questo carcere-tomba di Shahr-e Ray. Ma non vacillare di fronte al destino e non ti lamentare. Sai bene che la morte non è la fine della vita.

Mi hai insegnato che veniamo al mondo per fare esperienza e per imparare una lezione, e che ogni nascita porta con sé una responsabilità. Ho imparato che a volte bisogna combattere. Mi ricordo quando mi dicesti che l’uomo che conduceva la vettura aveva protestato contro l’uomo che mi stava frustando, ma quest’ultimo ha colpito l’altro con la frusta sulla testa e sul volto, causandone alla fine la morte. Sei stata tu a insegnarmi che bisogna perseverare, anche fino alla morte, per i valori.

Ci hai insegnato andando a scuola ad essere delle signore di fronte alle liti e alle lamentele. Ti ricordi quanto hai influenzato il modo in cui ci comportiamo? La tua esperienza però è sbagliata. Quando l’incidente è avvenuto, le cose che avevo imparato non mi sono servite. Quando sono apparsa in corte, agli occhi della gente sembravo una assassina a sangue freddo e una criminale senza scrupoli. Non ho versato lacrime, non ho supplicato nessuno.  Non ho cercato di piangere fino a perdere la testa, perché confidavo nella legge.

Ma sono stata incriminata per indifferenza di fronte ad un crimine. Vedi, non ho ucciso mai nemmeno le zanzare e gettavo fuori gli scarafaggi prendendoli per le antenne. Ora sono colpevole di omicidio premeditato. Il mio trattamento degli animali e’ stato interpretato come un comportamento da ragazzo e il giudice non si e’ nemmeno preoccupato di considerate il fatto che, al tempo dell’incidente, avevo le unghie lunghe e laccate.

Quanto ero ottimista ad aspettarmi giustizia dai giudici! Il giudice non ha mai nemmeno menzionato che le mie mani non sono dure come quelle di un atleta o un pugile. E questo paese che tu mi hai insegnata ad amare non mi ha mai voluta, e nessuno mi ha appoggiata anche sotto i colpi dell’uomo che mi interrogava e piangevo e sentivo le parole più volgari. Quando ho rimosso da me stessa l’ultimo segno di bellezza, rasandomi i capelli, sono stata premiata con 11 giorni di isolamento.

Cara Shole, non piangere per quello che senti. Il primo giorno che nell’ufficio della polizia un agente anziano e non sposato mi ha colpita per via delle mie unghie, ho capito che la bellezza non e’ fatta per questi tempi.  La bellezza dell’aspetto, la bellezza dei pensieri e dei desideri, la bella calligafria, la bellezza degli occhi e di una visione, e persino la bellezza di una voce piacevole.

Mia cara madre, il mio modo di pensare e cambiato e tu non sei responsabile. Le mie parole sono senza fine e le darò a qualcuno in modo che quando sarò impiccata senza la tua presenza e senza che io lo sappia, ti verranno consegnate. Ti lascio queste parole come eredità.

Comunque, prima della mia morte, voglio qualcosa da te e ti chiedo di realizzare questa richiesta con tutte le tue forze e tutti i tuoi mezzi. Infatti, e’ la sola cosa che voglio dal mondo, da questo paese e da te. So che hai bisogno di tempo per questo. Per questo ti dirò questa parte del mio testamento per prima. Per favore non piangere e ascolta. Voglio che tu vada in tribunale e presenti la mia richiesta. Non posso scrivere questa lettera dall’interno della prigione con l’approvazione delle autorità, perciò ancora una volta dovrai soffrire per causa mia.  E’ la sola cosa per cui, anche se tu dovessi supplicarli, non mi arrabbierei – anche se ti ho detto molte volte di non supplicarli per salvarmi dalla forca.

Mia buona madre, cara Shole, più cara a me della mia stessa vita, non voglio marcire sottoterra. Non voglio che i miei occhi o il mio cuore giovane diventino polvere. Supplicali perché subito dopo la mia impiccagione, il mio cuore, i reni, gli occhi, le ossa e qualunque altra cosa possa essere trapiantata venga sottratta al mio corpo e donata a qualcuno che ne ha bisogno. Non voglio che sappiano il mio nome, che mi comprino un bouquet di fiori e nemmeno che preghino per me. Ti dico dal profondo del cuore che non voglio che ci sia una tomba dove tu andrai a piangere e soffrire.  Non voglio che tu indossi abiti scuri per me. Fai del tuo meglio per dimenticare i miei giorni difficili. Lascia che il vento mi porti via.

Il mondo non ci ama. Non voleva il mio destino. E adesso sto cedendo e sto abbracciando la morte. Perché nel tribunale di Dio incriminerò gli ispettori, l’ispettore Shamlou, il giudice, i giudici della Corte suprema che mi hanno colpita quando ero sveglia e non hanno smesso di abusare di me. Nel tribunale del creatore accuserò il dottor  Farvandi, e Qassem Shabani e tutti coloro che per ignoranza o menzogna mi hanno tradita e hanno calpestato i miei diritti.

Cara Shole dal cuore d’oro, nell’altro mondo siamo io e te gli accusatori e loro sono gli imputati. Vediamo quel che vuole Dio. Io avrei voluto abbracciarti fino alla morte. Ti voglio bene".

Reyhaneh







domenica 12 ottobre 2014

AUTORICICLAGGIO

Giovedì 9 ottobre 2014 ho sentito e visto l'intervento di Marco Travaglio sul reato di autoriciclaggio i cui articoli di legge che dovrebbero delinearlo e punirlo tentano tra innumerevoli ostacoli di vedere la luce. Si può essere d'accordo o meno con Marco Travaglio, ma se le cose che dice fossero vere allora non abbiamo alcuna speranza per il nostro avvenire. Chi ci comanda è d'accordo con coloro che delinquono ed allora alle persone oneste non resta che raccogliersi in preghiera!
Ecco l'intervento di Marco Travaglio !






STRACCETTI DI POLLO AI FUNGHI


INGREDIENTI: PETTO DI POLLO: 600 R. - CIPOLLA: UNA MEDIA - CAROTA: UNA MEDIA - SEDANO: UN GAMBO GRANDE OPPURE DUE MEDI  - FUNGHI SECCHI: 50 GR. - FUNGHI FRESCHI: 200 GR. - CONCENTRATO DI POMODORO: UN CUCCHIAIO - VINO BIANCO SECCO: MEZZO BICCHIERE DA ACQUA - PREZZEMOLO: UN CIUFFETTO - SALE E PEPE: QB. -  OLIO EVO: MEZZO BICCHIERE DA ACQUA -  ALLORO: DUE FOGLIE


TEMPO 90 MINUTI -       DIFFICOLTA’ : FACILE -      DOSI PER 5 PERSONE     

Affettare gli odori non finemente. In una padella anti aderente versare l'olio e gli odori e cominciare la cottura a fuoco moderato. Utilizzare prevalentemente i lembi interni del petto di pollo schiacciandoli con il batticarne dopo averli coperti con un foglio di pellicola. Se si dispone di diversi petti di pollo si utilizzano solo  i lembi per la ricetta, mentre con i petti propriamente detti si possono ricavare delle fettine da utilizzare per cotolette. Ovviamente se i petti di pollo sono uno o due allora occorre ricavare da essi delle fettine sottili e non molto grandi. Durante la cottura degli odori aggiungere le foglie di alloro ed i funghi secchi precedentemente ammollati nell'acqua calda. Regolare di sale e pepe e rimestare spesso. Dopo una ventina di minuti sfumare con il vino bianco e poi aggiungere gli straccetti di pollo a copertura dell'intingolo. Eliminare le foglie di alloro.  Dopo una decina di minuti voltare gli straccetti e dopo altri dieci minuti aggiungere i funghi freschi (  mix di champignon e porcini ) rimestando più volte. Continuare la cottura per altri quindici minuti. In ultimo aggiungere il concentrato di pomodoro e prima di spegnere il fuoco aggiungere il prezzemolo tritato. La cottura va fatta sempre a fuoco moderato.

giovedì 2 ottobre 2014

SALSA CON MELANZANA E PESCE SPADA

INGREDIENTI: PESCE SPADA: 400 GR. - MELANZANA VIOLA: UNA MEDIO GRANDE - CIPOLLA: UNA MEDIO GRANDE - PASSATA DI POMODORO: 500 GR. - OLIO EVO: UN BICCHIERE DA ACQUA - SALE E PEPE: QB. - VINO BIANCO SECCO: UN BICCHIERE DA ACQUA. - AGLIO: UNO SPICCHIO IN CAMICIA - PREZZEMOLO: UNA MANCIATINA -  BASILICO: UN CIUFFETTO

TEMPO 40 MINUTI -    DIFFICOLTA’ : FACILE - DOSE PER 5 PERSONE      

Affettare finemente la cipolla e cuocerla a fuoco moderato in una padella anti aderente fin quando appassirà. Nel frattempo tagliare a tocchetti la melanzana, salarla con sale grosso in modo che possa perdere un pò del suo liquido amaro. Dopo una ventina di minuti,lavarle e strizzarle.
Quando la cipolla sarà appassita, sfumare con il vino e subito dopo aggiungere le melanzane continuando la cottura a fuoco moderato rimestando spesso. Aggiungere la passata di pomodoro e dopo una decina di minuti unirvi il pesce spada tagliato a tocchetti, dopo averlo saltato con poco olio in una padella anti aderente per una decina di minuti e dopo averlo sfumato con il vino bianco.
Dopo una decina di minuti aggiungere il basilico. Regolare di sale e pepe. Prima di spegnere il fuoco aggiungere il prezzemolo tritato al momento.
Con questa salsa ho condito gnocchi di patate fatti in casa. In mancanza si possono usare penne, rigatoni o fusilli col buco. Ovviamente sono consigli, poi ognuno farà come meglio ritiene!
VIVA LA FRANCIA - 


Il ministro delle Finanze francese, Michel Sapin ha detto”BASTA “!
Finalmente qualcuno  capisce qualcosa. Non si può morire guariti! Il primo obiettivo comune deve essere la crescita e questa non si può fare strozzando i paesi membri con regole assurde e contraddittorie. Se si pensasse solo al pareggio di bilancio ed alla riduzione sensibile del debito senza accrescere le entrate ci sacrificheremmo tutti inutilmente ed alla fine non ci sarebbe che desolazione e la tenuta del tessuto produttivo e sociale risulterebbe a rischio. Come mai questi concetti così semplici non vengono capiti? O forse vengono capiti molto bene dalla Germania che pare abbia in mente il detto latino “ mors tua vita mea “ !
Non mi piace neanche un poco la “ maestrina dalla penna rossa “ che bacchetta tutti “ gli alunni dal profitto scarso “ e che invece di aiutarli a migliorare li spinge……… ad abbandonare gli studi e starsene a casa !
La Francia vuole sottrarsi alla tagliola dell’austerità pensando dapprima a ristabilirsi e poi a far quadrare i conti e la maestrina si indispettisce e si infuria addirittura. Noi sappiamo che siamo stati indisciplinati, che abbiamo sperperato ricchezze e tempo, ma quando siamo entrati nell’euro non pensavamo mica di perdere tutta la nostra sovranità e diventare un land tedesco. Ora non siamo sovrani e nemmeno parte integrale della Germania, cioè non siamo né carne né pesce. Fortunatamente Mario Draghi – osteggiato decisamente dal governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, dal ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schauble e dalla stessa Angelina Merkel – ha intrapreso una strada importante, quella dell’indebolimento dell’euro e della riduzione del suo tasso di interesse vicinissimo ad un valore negativo. Le merci dell’antico continente, dovrebbero essere più a buon mercato consentendo quindi alle economie degli Stati membri di  migliorare grazie all’incremento delle esportazioni.
Tutto ciò in generale. In particolare la situazione italiana è diversa e sensibilmente più critica. Il problema italiano è la caduta della produzione. Non si produce per mancanza di finanziamenti e di idee, non si produce soprattutto perché non vi è chi compra i prodotti che appesantiscono gli scaffali. Gli italiani hanno paura dell’incerto futuro e non spendono. Poi ci si mette anche il nostro ministro dell’economia Pier Carlo Padoan che annuncia al popolo che la crisi attuale è peggiore di quella americana del 1929 aumentando così lo sconforto.
Io spero che la Francia – nostra storica cugina – diventi capo di una formazione di Stati in difficoltà, ma desiderosi a fatti e non a parole, di intraprendere le giuste iniziative per uscire dalla crisi in tempi ragionevoli costringendo la teutonica Angela a capire che la Comunità Europea non è territorio tedesco e che tutti assieme si deve lavorare per il bene comune e non solo per difendere il benessere tedesco. Nell’ultima crisi le  banche tedesche erano creditrici di quasi mille miliardi di dollari nei confronti di Spagna ed Irlanda ( per non parlare delle Grecia ) ed il 70% di questo ammontare è stato saldato con i Fondi Salva Stati ai quali pesantemente ha contribuito anche il nostro paese. Vogliamo pensare  solo per un attimo cosa sarebbe successo alle banche tedesche se non si fosse intervenuto come si è fatto? Le banche di  Angelina sarebbero state salvate solo con i fondi tedeschi gettando nel baratro la pur brava Germania che ha fatto per bene i compiti a casa, ma che non le sarebbero stati sufficienti per continuare ad essere la sedicente prima della classe di….somari!
Angelina, basta!  Cominci a stufarci ed il sentimento anti tedesco comincia a serpeggiare sempre più insistentemente!
Viva l’Italia e soprattutto ora, Viva la Francia!