OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

venerdì 25 aprile 2014

Milano, 25 aprile 2014

Ciao a tutti,
ieri sera ho visto la trasmissione Servizio Pubblico di Santoro & soci ed ho pensato immediatamente al codice penale e precisamente all’articolo che prevede e punisce la diffamazione a mezzo stampa o altro mezzo di comunicazione. Si tratta dell’articolo del CP n. 595 che recita:

La diffamazione è il delitto previsto e punito dall'articolo 595 del codice penale secondo cui: "Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente (594 codice penale - ingiuria), comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065. Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516.

Ebbene, la trasmissione in questione era intitolata MARCELLO BYE BYE e chiaramente si riferiva a Marcello Dell’Utri  alla sua fuga in Libano ed alla sue vicende compartecipative con Silvio Berlusconi.
Se ne sono viste e sentite di ogni, la contiguità storica di Marcello con i capi della mafia siciliana, gli arbori delle fortune di Silvio Berlusconi che nascono con un incontro con Stefano Bontate, che raccolse e procurò una montagna di soldi da investire nelle attività industriali di Berlusconi alla cui protezione venne chiamato Vittorio Mangano – noto mafioso –assunto come stalliere.
Il pentito Francesco Di Carlo racconta i suoi incontri con Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi: “Era il 1974 e andammo ad Arcore con il gotha della mafia di allora: Stefano Bontate e Mimmo Teresi. Berlusconi aveva paura dei sequestri e chiedeva protezione. Fu così che Vittorio Mangano arrivò ad Arcore come stalliere. E Stefano Bontate ottenne in cambio 100 milioni di lire”
La trasmissione dedicata alla mafia ha evidenziato in seguito le attività finanziarie dei mafiosi alla cui testa nel milanese vi era Cinzia Mangano figlia dello stalliere di Arcore. Le attività mafiose ed il modo di condurle mi hanno sconvolto. L’Italia è un paese estremamente corrotto e violento, apparentemente pacifico ed onesto che galleggia su una rete di complicità tra malavita ed istituzioni che si arricchiscono reciprocamente ovviamente a danno delle persone per bene che per un verso o per l’altro cadono nella loro rete.
Si è parlato anche di Attilio Manca, medico urologo che probabilmente operò a Marsiglia Bernardo Provenzano,
Chi era Attilio Manca ?
Wikipedia ce lo dice:
Attilio Manca (San Donà di Piave, 20 febbraio 1969 – Viterbo, 12 febbraio 2004) è stato un medico urologo italiano, presunta vittima di mafia[1]. Fu ritrovato cadavere nella sua abitazione di Viterbo. L'autopsia certificò la presenza nel sangue di eroina, alcol etilico e barbiturici. Il caso fu inizialmente ritenuto un'overdose, poi archiviato come suicidio. I genitori si opposero all'archiviazione sostenendo che il figlio fosse stato ucciso per coprire un intervento subito da Bernardo Provenzano a Marsiglia.[2]
Il viso di Attilio Manca prima della morte “ per overdose “ !!!!!!!!!!!!!


E subito dopo la morte  “ per overdose “



Se questo vi pare suicidio io sono Giuseppe Verdi!!!
E’ stato accertato che Attilio Manca, notoriamente mancino, si sia iniettato una dose letale di eroina, barbiturici ed alcol etilico nel suo braccio sinistro. Impossibile, eppure il magistrato pensò che fosse possibile archiviando inizialmente il caso come suicidio!!
Dopo venti anni di fascismo i politici che seguirono ebbero un solo obiettivo: il consenso per mantenere il potere e per ottenerlo non andarono per il sottile pensando bene di non poter fare a meno dei collettori di voti. I collettori erano i capi delle mafie e delle ndrine che raccoglievano voti incanalandoli verso quei politici che avrebbero potuto ricambiare i favori con ogni sorta di coperture ed appalti. Una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso !
Vi dice nulla Giulio Andreotti assolto e prescritto per contiguità con soggetti altamente chiacchierati, di Craxi e del 100% dei seggi siciliani conquistati da Berlusconi insieme  ad AN, Lega e parte dell’ex-DC? Nemmeno in Bulgaria!!
Il pozzo dei voti DC dove si trovava? Ovviamente in Sicilia, nella Sicilia dei fratelli Salvo, di Vito Ciancimino di Salvo Lima.
Come funzionavano le cose? Quando si dice Salvo Lima si dice Andreotti
Ecco sempre da Wikipedia:
Nel 1958 Lima venne eletto sindaco di Palermo e il consigliere comunale Vito Ciancimino (anch'egli sostenitore di Gioia) gli subentrò nella carica di assessore ai lavori pubblici: durante il periodo della giunta comunale del sindaco Lima, delle 4.000 licenze edilizie rilasciate, 1600 figurarono intestate a tre prestanome, che non avevano nulla a che fare con l'edilizia[5]; vennero apportate numerose modifiche al piano regolatore di Palermo che permisero alla ditta di Nicolò Di Trapani (pregiudicato per associazione a delinquere) di vendere aree edificabili ad imprese edili mentre il costruttore Girolamo Moncada (legato al boss mafioso Michele Cavataio) ottenne in soli otto giorni licenze edilizie per numerosi edifici[6]; il costruttore Francesco Vassallo (genero di Giuseppe Messina, capomafia della borgata Tommaso Natale[7]) riuscì ad ottenere numerose licenze edilizie nonostante violassero le disposizioni del piano regolatore[8].

Ora dico io, se le terribili ricostruzioni fatte da Michele Santoro sono false perché coloro che direttamente o indirettamente  sono stati chiamati in causa non spendono qualche spicciolo del loro immenso patrimonio per ridurre sul lastrico i responsabili di quella trasmissione televisiva ? Non ne hanno avuto notizia durante la messa in onda? Nessuno poi ne ha riferito contenuti sconvolgenti? Oppure è possibile che abbiano fatto una scelta strategica fingendo di non aver visto o sentito nulla perché, come si dice, mescolando la merda il puzzo sale in alto ed è meglio che tutto resti apparentemente fermo ed inodore!









lunedì 21 aprile 2014








PASQUA 2014


Ieri si è celebrata la Pasqua di Resurrezione intensamente grazie anche alla grandissima personalità di Papa Francesco che ha raccolto folle oceaniche. Che Iddio lo conservi!
Mi sono chiesto che differenza c’è tra le Pasque di una volta e quelle attuali e per rispondere a questa domanda occorre sgombrare il campo dai luoghi comuni che indicano gli accadimenti del passato e la vita di una volta migliore di quella presente.
I mutamenti riguardano l’accontentarsi di poche cose condite con tante speranze per il futuro, che non era difficile immaginare migliore di quel presente. Ricordo che una volta la Resurrezione si celebrava a mezzogiorno del sabato santo annunciata dallo scampanio delle  campane di tutte le chiese e dai suoni che i ragazzini facevano con ciottoli piuttosto grandi con i quali colpivano con forza i pali della luce stradale che erano di ghisa o ferro. Da quel momento si interrompevano digiuni e fioretti e si dava inizio alle feste pasquali partendo dalla viglia per finire al giorno proprio della Santa Pasqua. Non vi erano le colombe industriali e nemmeno quelle di pasticceria. I dolci erano il pan di spagna casereccio, ed i taralli piuttosto grandi fatti con molte uova e ricoperti da una glassa di zucchero bianco. Il vino da dessert era, per la gioia della nostra famiglia, un moscatello bianco che i nostri compari ci portavano a casa. 
Quello che , invece, è rimasto inalterato è il menu pasquale che per la mia famiglia di origine era rappresentato da un antipasto  costituito da  soppressata calabrese che zia Maria, colà residente, ci inviava con altro ben di Dio, da uova sode affettate e da fette di limon cedro che preparava la bocca al gusto del seguito. Questo antipasto era chiamato in dialetto foggiano “ U Beneditt “ perché prima di metterlo nei singoli piatti, la persona più anziana benediva la mensa con l’acqua benedetta presa in chiesa il giorno di Pasqua utilizzando all'uopo un rametto di ulivo, augurando subito dopo un ecumenico “ Buona Pasqua a tutti e buon appetito”!
Dopo l’antipasto si gustava la minestra di cicorie e cardoncelli unita allo spezzatino di agnello con uova e formaggio grana. Seguiva l’agnello al forno con patate, la solita insalata verde romana, la frutta di stagione ed il dolce fatto in casa. Il vino era quello sfuso, che per l’occasione veniva scelto tra i più costosi! Facevano capolino le prime uova di Pasqua in formato medium e large!
In seguito, dopo il mio matrimonio ed il mio “ esilio “ nell’Italia del Nord, il menu è leggermente cambiato arricchito da due new entry : il casatiello e la farrata, che altro non è che la pastiera napoletana con il riso al posto del grano.


Menu di Pasqua 2014

U BENEDITT


MINESTRA DI CICORIA( non regolamentare ),CARDONCELLI  CON SPEZZATINO DI AGNELLO CON UOVA


AGNELLO AL FORNO CON PATATE





PEPERONI IN AGRODOLCE


LAMPAGIONI


CASATIELLO  (E PANE CASERECCIO)



VINI E SPUMANTI:  SPUMANTE CESARINI SFORZA “ LE MILLESIME “ – CERASUOLO D’ABRUZZO CITRA – CALALONGA DEL SULCIS 2012 – MOSCATO DEL PIEMONTE GATTI

PER FINIRE: TORTA ALLA FRUTTA DI PREGEVOLE FATTURA FATTA DA MIO NIPOTE ALESSANDRO,


FARRATA CO-PRODOTTA DA MIO GENERO DANIELE PER LA PASTA FROLLA E LA COTTURA E DA MIA MOGLIE PER L’INTERNO.


PERSONAGGI ED INTERPRETI
( in ordine alfabetico )


ALESSANDRO
ANNAMARIA
ALICE
DANIELA
DANIELE
GRAZIELLA
LELLO
PATRIZIA
SIMONE
VITTORIO

E' stata una bella Pasqua arricchita dal compleanno di mia figlia Patrizia, con leggero disappunto per mia figlia Barbara, assente....giustificata!
Saluti ed auguri a tutti
Lello

venerdì 11 aprile 2014


SILVIO BERLUSCONI E LA ...PENA !


Ciao a tutti,
dopo il parere del Procuratore Generale di Milano sembra ormai certo che Silvio Berlusconi sarà affidato in prova ai servizi sociali. Buon per lui !
Voglio sgombrare il campo da ogni partigianeria pro o contro Silvio, anzi dirò che credo alla sua innocenza!!!!!!
Voglio solo commentare la serietà della giustizia italiana le cui decisioni, in tutti i campi, lasciano sbigottiti,più che alla serietà della Giustizia italiana sarebbe il caso parlare della stupidità delle leggi italiane, dal momento che i magistrati non possono far altro che applicarle!
Si diceva: i quattro evangelisti erano tre, Giovanni e Marco !
Si diceva: la montagna ha partorito un topolino!
Lo scorso agosto Berlusconi era stato condannato in via definitiva a quattro anni di reclusione oltre alla pena accessoria di cinque anni di interdizione dai pubblici uffici, successivamente ridotta a due anni. Dei quattro anni ben tre erano stati condonati per la nota legge del condono. Ne restava uno da fare che per benefici premiali (premio di che ?) si è ridotto a poco più di dieci mesi. Solo otto mesi dopo ( una incredibile velocità ) Berlusconi ha avuto via libera per l’assegnazione ai servizi sociali e questo è capitato ieri. Ma ci vogliono ancora altri quindici giorni per sapere dove dovrà scontare questa pena afflittiva ed insopportabile. Berlusconi si era offerto di scontare questa pena assistendo giovani disabili in una cascina di sua proprietà. Dove? E chi lo sa, la cascina è in costruzione e chissà quando sarà pronta!
Le voci ricorrenti vedono Berlusconi presso un centro anziani dove presterà la sua opera una mezza giornata alla settimana. Veramente una pena insopportabile!
Potrà nel frattempo fare campagna elettorale, recarsi in TV, ma non potrà uscire dalla regione se non su autorizzazione del tribunale di sorveglianza e quello che più è grave non potrà incontrare malavitosi.
Ora vi sembra una cosa seria questa? Mi sa tanto una commedia dell’arte dal momento che mi scappa da ridere. Nel frattempo Dell’Utri se l’è data a gambe ed ha fatto perdere le tracce. Potrebbe trovarsi a Santo Domingo proveniente dal Libano anche perché è in possesso di diversi passaporti uno dei quali è diplomatico. Il passaporto diplomatico avrebbe dovuto consegnarlo allorquando non venne più eletto al parlamento. La magistratura dimenticò di ritirarlo pensando che il senatore ( probabilmente martedì prossimo la Cassazione confermerà la condanna a sette anni di reclusione ) fosse tetraplegico ed impossibilitato a lasciare il patrio suolo.
In America molti uomini politici  nostrani  avrebbero totalizzato pene detentive per circa  150 anni mentre da noi ricevono un buffetto sulla guancia ed una esortazione a non commettere più reati o quantomeno essere più prudenti e non farsi scoprire giustappunto per non arrecare maggior lavoro ai giudici notoriamente oberati, tanto che credo abbiano pochissimi giorni di ferie all’anno.

Milano,11 aprile 2014

sabato 5 aprile 2014

PANE E PIZZA SPERIMENTALI


Ciao a tutti,

ho affrontato recentemente i soliti temi di politica e costume ed ora sperimentalmente inserisco qualcosa di culinaria che riguarda il pane e la pizza.
Finalmente ho in dotazione un signor forno che si comporta esattamente come lo imposto al contrario del precedente che nascondeva tutte le informazioni sui tempi e sulla temperatura di cottura con un risultato  che non poteva che essere largamente insoddisfacente.
Il pane l’ho fatto  formando dapprima un panetto con 125 grammi di farina, una bustina di lievito in polvere, due cucchiaini di zucchero ed acqua calda, lasciandolo poi  coperto per circa due ore. Ho poi utilizzato 500 grammi di farina 00 ( forse era meglio quella 0 ), sale ed acqua calda, lasciando riposare il tutto per circa quattro ore. Dopo di che ho infornato il pane per circa 40 minuti a 200 gradi e forse andava meglio portando il tempo di cottura a 50 minuti in modo da ottenere una bella crosta color nocciola.



Come primo esperimento mi sembra accettabile e sicuramente nelle prossime occasioni sarà raffinata la tecnica.

Milano 7 aprile 2014

come avevo previsto il secondo tentativo ha sortito effetti molto positivi sia nell'aspetto che nel gusto. Ecco la foto:



Per la pizza ho seguito un procedimento più semplice. 500 gr. di farina 00, una bustina di lievito Mastro Fornaio, due cucchiaini di zucchero, un cucchiaio di sale e 350 ml di acqua calda. Dopo una lievitazione di un paio di ore, ho messo la pasta in un tegame da forno leggermente unto, ho aggiunto pomodorini tagliati a metà, un pizzico di origano, un pizzico di sale ed una discreta quantità di olio evo per terminare. La solita infornata a 200 gradi per 35 minuti ed il risultato risulta appagante.





Buon appetito
Lello

Milano 5 aprile 2014 

giovedì 3 aprile 2014


STRANEZZE....MAGISTRALI


Ciao a tutti,
in questi giorni sembra essere tornati bambini quando a tavola ognuno guardava nel piatto dell’altro confrontando le altrui porzioni con la propria, ovviamente il disappunto e l’invidia riguardava il commensale con la scarsa porzione.
Si è cominciato con lo stipendio di Mauro Moretti FF.SS per poi andare a fare i conti in tasca ( e che conti ) a Scaroni e compagnia beatamente cantante. Si è pensato poi di parlare delle pensioni a partire da quelle stratosferiche di ben 2.000 euro mensili a quelle da 5.000, passando fugacemente a quelle da 10.000 aggiustando il tiro con quelle di gran lunga superiori. I cecchini di vario tipo affermano che le pensioni non saranno toccate, ma quello che ora penso di toccare sono i miei zebedei. Quando si fanno questi ragionamenti è facilissimo dire: carissimo Lello hai visto che a Moretti abbiamo ridotto lo stipendio del 45% allora cerca di non rompere più di tanto e ringrazia Iddio che non ti chiami Moretti ed accetta quindi qualche contributo di solidarietà che per essere veramente efficace deve colpire una vasta platea!
Ho pensato, fai pure questi tagli che noi scenderemo in sciopero ad oltranza !
Sciopero di che? Scusate dimenticavo che sono in pensione e quindi niente sciopero e…. pedalare !
Allora guardando nel piatto degli altri vedo alcune cosette che non mi rendono particolarmente fiero di essere italiano.
Partiamo da una premessa che riguarda lo stipendio di Re Giorgio I e II. Nel 2013 il nostro Re ha guadagnato 239.192 euro e visto che mancava qualcosina per pareggiare il conto ha avuto una provvidenza di altri 8.835 euro. Insomma un bellissimo appannaggio. Lo dico senza ironia e mi serve come raffronto per quel che segue!
Ieri sono stato sconvolto da due notizie che riguardano la magistratura.
Il presidente della Corte Costituzionale guadagna ben 550.000 euro all’anno, il suo vice ed i componenti la corte circa 440.000 euro. Non è che loro si debbano sbattere più di tanto. Controllare che le leggi approvate dal parlamento non siano in contrasto della costituzione. Alla faccia che lavoro impegnativo! Questi supremi magistrati hanno anche a disposizione una o due auto, sicuramente due autisti 24 ore su 24 il cui costo si aggira sui 750 euro al giorno !!!!!!!!!
La  domanda che mi pongo è questa: può un magistrato sia pure di rango elevato guadagnare più del Presidente della Repubblica? La risposta dovrebbe essere un NO grande come una casa! La colpa non è di questi magistrati, ma di chi ha stabilito per loro uno stipendio assolutamente sproporzionato sia per il rango ricoperto che per il lavoro svolto. Questi importi vengono ricavati da un bilancio preventivo. Quello consuntivo viene tenuto rigorosamente segreto!
Altra notizia che mi ha sconvolto è quella che è capitata ad un povero cristo che aveva un appartamento in fitto per il quale pagava regolarmente il canone mensile. Una tragica evenienza non gli ha consentito di rispettare questo impegno per quattro mesi. Dopo i preliminari di messa in mora e minaccia dello sfratto per morosità ha pensato di interrompere questa procedura, pagando in un'unica soluzione il debito accumulato, ma nel farlo ha versato solo tre, dico tre e ridico tre euro in meno. Il magistrato ha sentenziato lo sfratto esecutivo ed il poveretto deve raggiungere l’asfalto unitamente alla sua famiglia per soli tre euro. Mi domando che cuore aveva il magistrato? Il poveretto ha avuto lo stesso trattamento riservato ai potenti e semi potenti così come la costituzione recita? Come si fa a sbattere in strada un poveretto e la sua famiglia per un mancato versamento di soli tre euro?
Probabilmente il CSM lo promuoverà perché il magistrato ha dimostrato di non avere peli sullo stomaco, di essere inflessibile , senza tentennamenti  di sorta avendo agito nell’autonomia e indipendenza della magistratura!!!
Il fatto in questione è stato raccontato con dovizia di particolari nella trasmissione “ La Vita in Diretta “ del giorno 2 aprile 2014!
Ovviamente non tutti i magistrati sono da criticare, ma questi fatti eclatanti dovrebbero farci pensare che qualcosa deve pur essere fatta.
A presto

Lello

Milano, 3 aprile 2014