OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

venerdì 11 aprile 2014


SILVIO BERLUSCONI E LA ...PENA !


Ciao a tutti,
dopo il parere del Procuratore Generale di Milano sembra ormai certo che Silvio Berlusconi sarà affidato in prova ai servizi sociali. Buon per lui !
Voglio sgombrare il campo da ogni partigianeria pro o contro Silvio, anzi dirò che credo alla sua innocenza!!!!!!
Voglio solo commentare la serietà della giustizia italiana le cui decisioni, in tutti i campi, lasciano sbigottiti,più che alla serietà della Giustizia italiana sarebbe il caso parlare della stupidità delle leggi italiane, dal momento che i magistrati non possono far altro che applicarle!
Si diceva: i quattro evangelisti erano tre, Giovanni e Marco !
Si diceva: la montagna ha partorito un topolino!
Lo scorso agosto Berlusconi era stato condannato in via definitiva a quattro anni di reclusione oltre alla pena accessoria di cinque anni di interdizione dai pubblici uffici, successivamente ridotta a due anni. Dei quattro anni ben tre erano stati condonati per la nota legge del condono. Ne restava uno da fare che per benefici premiali (premio di che ?) si è ridotto a poco più di dieci mesi. Solo otto mesi dopo ( una incredibile velocità ) Berlusconi ha avuto via libera per l’assegnazione ai servizi sociali e questo è capitato ieri. Ma ci vogliono ancora altri quindici giorni per sapere dove dovrà scontare questa pena afflittiva ed insopportabile. Berlusconi si era offerto di scontare questa pena assistendo giovani disabili in una cascina di sua proprietà. Dove? E chi lo sa, la cascina è in costruzione e chissà quando sarà pronta!
Le voci ricorrenti vedono Berlusconi presso un centro anziani dove presterà la sua opera una mezza giornata alla settimana. Veramente una pena insopportabile!
Potrà nel frattempo fare campagna elettorale, recarsi in TV, ma non potrà uscire dalla regione se non su autorizzazione del tribunale di sorveglianza e quello che più è grave non potrà incontrare malavitosi.
Ora vi sembra una cosa seria questa? Mi sa tanto una commedia dell’arte dal momento che mi scappa da ridere. Nel frattempo Dell’Utri se l’è data a gambe ed ha fatto perdere le tracce. Potrebbe trovarsi a Santo Domingo proveniente dal Libano anche perché è in possesso di diversi passaporti uno dei quali è diplomatico. Il passaporto diplomatico avrebbe dovuto consegnarlo allorquando non venne più eletto al parlamento. La magistratura dimenticò di ritirarlo pensando che il senatore ( probabilmente martedì prossimo la Cassazione confermerà la condanna a sette anni di reclusione ) fosse tetraplegico ed impossibilitato a lasciare il patrio suolo.
In America molti uomini politici  nostrani  avrebbero totalizzato pene detentive per circa  150 anni mentre da noi ricevono un buffetto sulla guancia ed una esortazione a non commettere più reati o quantomeno essere più prudenti e non farsi scoprire giustappunto per non arrecare maggior lavoro ai giudici notoriamente oberati, tanto che credo abbiano pochissimi giorni di ferie all’anno.

Milano,11 aprile 2014

Nessun commento:

Posta un commento