OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CHI STA AL POTERE PRENDE I GERMI DEL POTERE ( Massimo Giletti )

QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici


SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


venerdì 12 giugno 2020



ALETTE DI POLLO FRITTE


INGRDIENTI: ALETTE DI POLLO: SEI INTERE – OLIO DI GIRASOLE: 750 ML – FARINA 00: QB – FARINA DI MAIS: DUE CUCCHIAI – SALE,PEPE E SUCCO DI LIMONE ( facoltativo ) QB.

Alla mia venerabile età ( 84 anni in corso ) non ho mai mangiato delle alette fritte buone come quelle che propongo. Fiammeggiare le alette, deporle in una zuppiera, cospargerle con curry, paprica dolce e succo di mezzo limone, sale e pepe. Rimestare per bene e lasciar riposare per una trentina di minuti.
In una  media casseruola dai bordi alti versare tutto l’olio di semi, porlo al fuoco a lasciar prendere la giusta temperatura, diciamo 160 – 170 gradi. Nel frattempo mettere le farine in una zuppiera e rotolarvi sopra le alette alle quali saranno state tolte le punte. Quando l’olio avrà raggiunta la temperatura, ( io ho messo dentro uno stuzzicadenti fin quando sono apparse lungo il suo perimetro alcune microscopiche bollicine),immergere le alette che devono essere immerse completamente nell'olio. Friggere dapprima alla massima temperatura e dopo cinque minuti ridurre la fiamma e friggere per altri dieci minuti. Toglierle dall'olio e deporle  su carta assorbente, salarle e peparle con parsimonia e servitele....con canti ed inni di gioia  !


Nessun commento:

Posta un commento