OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici



IL ""MIO DIARIO"" SI E' TRASFERITO ALTROVE

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

sabato 27 luglio 2019


IL GRANO E LOGLIO

Non mi sono mai rattristato tanto quanto per la morte di Mario Cerciello Rega trucidato da un assassino che ha inferto ben otto coltellate. Per sottrarsi non ne bastava una massimo due? Mario, uno di noi, aveva solo 35 anni e si era sposato da 43 giorni ed era appena tornato dal viaggio di nozze tanto che non aveva ancora disfatto le valige! Un uomo buono, generoso, religioso che spesso accompagnava i pellegrini malati o meno a Lourdes o a Medjugorje. Da dieci anni in forza presso il suo quartiere, amato da tutti proprio da tutti. Alla notizia della sua morte mi son chiesto solo: perché? Non voglio pensare al dolore della sua giovane sposa, un dolore che non avrà consolazione e che per lenirlo non vi sono e vi saranno mai parole, solo un abbraccio ed una lacrima condivisa. Da Salvo d’Acquisto in poi il sacrificio dell’Arma è stato imponente, tanti giovani carabinieri assassinati da delinquenti assassini per i quali tra rito abbreviato e benefici vari non sconteranno mai interamente le condanne loro inflitte. Noi siamo civili, il carcere deve redimere non remunerare. Io sono per il contrario. Come si può redimere un assassino che colpisce con ben otto coltellate un essere umano? Che Iddio lo maledica! Ora gli Stati Uniti d’America  chiederanno di giudicarlo a casa loro, perché i cittadini americani sono super. Spero che questa evenienza non si adombri nemmeno. L’assassino è incensurato, non potrebbe uccidere altre persone dal momento che voleva massacrarne solo una, che   ha agito sotto l’effetto devastante della cocaina, che è giovane e che ha tutta una vita davanti ecc.ecc. a  suo favore si faranno avanti coloro che faranno i distinguo ( sai anche i carabinieri vanno giù di brutto - dicono loro non io ) ed il nostro eroe dopo qualche anno tornerà negli Stati Uniti d’America per scrivere un libro sulla vicenda e su come è stato maltrattato dagli inquirenti; il libro potrebbe diventare un film, lui tornerebbe a parlare di giustizia in Italia ed infine darebbe vita ad un crowdfunding per convolare a giuste nozze,  quelle nozze che ha stroncato sul nascere al povero Mario ! Salvini ha detto che l’assassino americano dovrebbe essere condannato ai lavori forzati a vita e subito gli amici democratici si sono scagliati contro: come si fa ad invocare una pena che non esiste nel nostro codice penale? I puristi del diritto! Ah come mi piacerebbe che ad uno di loro venisse uccisa con otto coltellate la moglie, il marito, un figlio o una figlia e poi il solerte cronista di RAI 1 ponesse una domanda: come si sente? Quando ha visto l’ultima volta il suo congiunto? Come lo ricorda? Cosa vorrebbe come condanna per l’assassino? La risposta logica sarebbe la morte anche penosa! Invece verrebbe fuori una parola di umana comprensione: è giovane, era sotto l’effetto della droga, deve continuare a studiare, vorrei che venisse affidato al cappellano del carcere per quei pochi giorni di permanenza e così via. Il solito coro dei “ migliori “ : ecco un  uomo sereno anche dopo una tale tragedia, gli italiani dovrebbero prendere esempio da lui. Ma andate a………………………..ca............... ( finale " re " )
Devo dire anche che sin dal primo istante dall’assassinio di era attribuito il delitto ad un uomo alto cm 1,80, ovviamente nero ed extra comunitario clandestino ed anche incappucciato. Non va bene anche perché poi la vicenda ci ha detto chiaramente che l’assassino era, bianco, alto poco più di 1,68 , non indossava un cappuccio e girava con un coltello. Occorre essere prudenti prima di addossare colpe a casaccio anche perchè qualche “ giustizialista fai da te “ potrebbe acchiappare il primo innocente  “ vu cumprà “ e spedirlo al suo creatore!
Finisco con un plauso agli investigatori che a tempo di record hanno preso gli assassini del loro amatissimo collega e la mia vicinanza sentita e commossa all’Arma!

Nessun commento:

Posta un commento