OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici



IL ""MIO DIARIO"" SI E' TRASFERITO ALTROVE

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

mercoledì 24 luglio 2019


FIGLI  E.. FIGLIASTRI !!



Il peccato è da condannare, il peccatore è da redimere e perdonare! Può un dettato evangelico essere applicato alle leggi dello Stato? Credo proprio di no. Molti anni or sono, non so in quale circostanza, sentivo dire che le leggi per i comuni mortali vanno applicate, mentre per gli amici vanno interpretate. A volte però una tale interpretazione, forse per sbaglio, viene applicata per una sentenza senza alcun riferimento amicale. Qualche giorno fa un provvedimento forse di un GIP stabiliva che un noto spacciatore colto in flagrante ed arrestato veniva subito rimesso in libertà perché? Perché dato che spacciava abitualmente in centro poteva essere riacciuffato facilmente! Sic!
L’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni, in arte “ il Celeste “ è stato circa sei mesi fa condannato a 5 anni e 10 mesi di reclusione per la vicenda Maugeri, con i 6,6 milioni di euro in viaggi esotici da sogno, uso esclusivo di due yacht e metà di una villa in Sardegna acquistata a prezzo scontato che gli ha elargito Pierangelo Daccò. Si parla di circa sei anni di carcere! Ebbene il Celeste ristretto nel comodo carcere di Bollate da lui scelto per la detenzione, ha detto che non avrebbe dovuto fare quelle vacanze!!!!!, ha pregato, ha trovato la fede, ( ma non era già di Comunione e Liberazione? ) si è pentito, ha riconosciuto i suoi peccati, ha promesso di non commetterne più in avvenire e ha avuto la grazia di uscire dal carcere dopo solo cinque mesi di detenzione per essere accolto in casa di un suo amico medico per scontare il resto della pena ai domiciliari. Pensa che gioia debba provare l’ospite per vivere con Roberto per cinque anni. Hai voglia quante partite di scopone e tressette!!! Formigoni dice anche che è ridotto in miseria e quindi non possiede il becco di un quattrino e come camperà da adesso fin quando raggiungerà le celesti schiere? Misteri! Forse arriverà per lui come per il suo amico Silvio Berlusconi la trasformazione dei domiciliari in assegnazione ai servizi sociali per imboccare i vecchietti, accompagnarli a letto e recitare con loro le preghiere della sera risultate utilissime per la soluzione della propria vicenda giudiziaria!
Da tener presente che il Celeste nel corso del processo ha sempre negato tutto e non si è mai fatto interrogare, bensì ha presentato memorie forse scritte sotto dettatura. Prima di uscire dal carcere Formigoni si è anche pentito di questo ed ha confessato che sarebbe stato meglio farsi interrogare; ma adesso purtroppo non si può più!
Insomma amici miei un pentimento ed una ricompensa! Per me potrebbe accadere la stessa cosa?. Esempio: commetto diversi reati rivestendo la qualifica di pubblico ufficiale ( aggravante ) vengo condannato a sei anni di carcere, mi informo prima quale sia il miglior carcere esistente se mai verificando quali personaggi importanti sono colà ristretti, entro, mi comunico tutti i giorni, recito le preghiere del mattino e quelle della sera, mi pento facendolo sapere a tutti, magistrati in primis, ed attendo che il direttore del carcere mi chiami per darmi la bella notizia: signor Raffaele lei può uscire tra trenta minuti, le sono stati concessi i “ domiciliari “ ci dica presso quale amico, o meglio quale amica, intende scontarli. Tenga presente che durante questa detenzione lei non deve frequentare pregiudicati né tossicodipendenti, ma potrà uscire due ore al giorno.
Scusi, Raffaele ci siamo sbagliati lei non è un politico di rango, non è un prelato, non è nessuno per cui dimentichi tutto, ritorni nella sua cella e non protesti altrimenti incrementeremo la pena!
Povera Italia e poveri i poveri!

Nessun commento:

Posta un commento