OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

martedì 27 marzo 2018


RICORDI DI PASQUA

Quando ero un ragazzino di 10 anni o poco più a Foggia si celebravano solennemente quattro festività religiose: Natale, Pasqua, Ferragosto e l’Immacolata.  Non c’erano discoteche o concerti allo stadio!!Ferragosto era per Foggia la festa della Patrona, la Madonna dei Sette Veli. ( Non c’entra nulla….la danza )! Per questa  festa la leggenda vuole che in riva al lago che esisteva a Foggia, alcuni buoi che si abbeveravano in riva improvvisamente si inginocchiarono mentre sul lago appariva una tavola al di sopra della quale vi erano tre fiammelle vere. La tavola venne recuperata e si vide che vi era impresso un volto della Madonna. Si avvolse la tavola in sette veli e lo si inserì poi in una struttura di argento che trovò stabile dimora nella cattedrale di Foggia. Lago e tre fiammelle soprastanti sono rappresentati nello stemma del comune di Foggia.

Processione e fuochi artificiali ricchissimi concludevano la giornata di festa!
Io non vedevo l’ora che arrivasse Pasqua perché in quella occasione i miei genitori mi comperavano il vestito nuovo che indossavo per la prima volta esattamente nel giorno di Pasqua allorché si andava a Messa. In chiesa le immagini sacre, durante la quaresima, venivano coperte con un lenzuolo viola, durante le Messe celebrate in questo periodo il campanello che suonava alla Consacrazione veniva sostituito con uno di legno che ovviamente faceva un suono molto diverso. Il sabato a mezzogiorno si scioglievano le campane e si annunciava così la Resurrezione. In città i pali della luce erano di ferro o ghisa, non ricordo bene, ma ricordo benissimo che noi ragazzini, muniti di pietre non farinose scendevamo in strada e con esse colpivamo i pali della luce che emettevano suoni  che si univano a quelli delle campane. Una festa che durava una decina di minuti. A Pasqua le tradizioni religiose erano intense. Si partiva col giovedì santo durante il quale si visitavano sette chiese( o in numero dispari )per visitare i Sepolcri. In chiesa veniva allestita una cappella con un’urna in cui veniva deposta l’Ostia consacrata. Tutt’intorno vi era un mare di fiori e di composizioni particolari. Le pie donne si facevano costruire,un paio di mesi prima,una croce concava in cui veniva deposta la terra e seminata col grano. Questa croce veniva nascosta sotto il letto al riparo della luce e le piantine che nascevano conservavano il colore bianco appunto di una pianta per nulla illuminata. Queste composizioni venivano deposte attorno ed ai piedi dell’urna. Non vi dico poi il pranzo tipico e tradizionale. Insomma una festa di resurrezione per tutto e per tutti !
Il Venerdì Santo i cinema restavano chiusi come del resto i teatri. Si rispettava  il lutto nazionale! Si dava vita alla processione del Venerdì Santo con l’urna del Cristo morto seguita dalle autorità civili e militari ( quelle religiose precedevano l’urna )e dalla banda cittadina. Era una banda sgangherata, forse non tutti avevano la stessa divisa per non parlare poi dello stato di conservazione degli strumenti musicali. Quando la banda seguiva qualche altra processione la performance era scarsa, ma quando si esibiva dietro l’urna del Cristo morto sembrava che gli strumenti piangessero realmente tanta era accorata la melodia!
Passando dal sacro al profano, forse rendendomi bersaglio di critiche, devo a caldo manifestare le mie perplessità sulle manifestazioni per la morte di Fabrizio Frizzi e di Davide Atzori. Due persone amatissime dal pubblico che unanimemente ha riconosciuto loro qualità umane e professionali non comuni e la cui morte ha rattristato moltissime persone e addolorato coloro i quali hanno vissuto per diversi motivi accanto a loro e per loro.
La morte di Davide Atzori per decisione della FIGC oppure del CONI, non ricordo, ha provocato la domenica successiva alla morte del giocatore lo stop di tutte le partite di serie A e serie B. Sono stati autorizzati minuti di raccoglimento alla ripresa del gioco sui campi nazionali ed in occasione della prima partita della nostra nazionale di calcio. A mio avviso esagerando.
La partitissima Milan – Inter del 4 marzo è stata sospesa e rinviata. Ora un derby del genere porta allo stadio 80.000 persone molte delle quali giunte da diverse città italiane e molte ancora dall’estero. Molte di queste hanno dovuto comperare biglietti di aereo, di accesso allo stadio e prenotare posti in albergo. Arrivate sul posto queste persone si son viste chiudere le porte in faccia e nessuna possibilità di rimborso del biglietto di ingresso allo stadio. E’ molto facile immaginare quanti vaffa siano stati indirizzati verso il povero Astori colpevole solo di….esser morto? Si sono vissuti due o tre giorni di interviste con relativi pianti e queste celebrazioni ( absit iniura verbis ) sono andate in onda su quasi tutti i canali televisivi.
Un’ esagerazione ? Chi lo sa! Io penso leggermente di sì.
Per inciso pare che il Milan non voglia rimborsare i biglietti non utilizzati perché – guarda caso – sui biglietti di accesso allo stadio è scritto: “questo biglietto non è rimborsabile” Vale questo discorso se non si entra per una scelta personale, ma quando non si può accedere allo stadio perchè altri lo hanno impedito il discorso dovrebbe essere diverso. Si sa, ma,  pecunia non olet!
In queste ore sta succedendo la stessa cosa per il povero Fabrizio Frizzi. Ore di trasmissioni celebrative che lo raccontano da quando era bimbo a quando ha avuto la sfortuna di incontrare la sua infausta malattia. I canali principali televisivi hanno cambiato i palinsesti e non vi è momento in cui giornali e TV non si prodigano in peana. Vero è che da morti tutti diventano più buoni e bravi però tre giorni di dediche mi sembrano un po’ troppi. Mi sarebbe piaciuto qualcosa di più stringato come: questa notte si è spento un nostro amico, un uomo generoso che ha donato a molte persone momenti di svago e di serenità. Alla sua famiglia le nostre sentite condoglianze. Ovviamente un breve filmato a ricordo e poi…la vita continua !
Sono mal pensante…ma credo che molte televisioni abbiano voluto modificare il palinsesto catalizzando la curiosità delle persone che tra un servizio e l’altro hanno potuto godere di qualche pubblicità.
Detto questo vi assicuro che mi è molto dispiaciuta la morte di Davide Astori, Fabrizio Frizzi ed anche di Maretta Scoca giudice di Forum capitata nello stesso giorno. R.I.P.


Nessun commento:

Posta un commento