OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"LE FINANZE PUBBLICHE DEVONO ESSERE SOLIDE, IL BILANCIO DEVE ESSERE EQUILIBRATO, IL DEBITO PUBBLICO DEVE ESSERE RIDOTTO, L'ARROGANZA DELL'AMMINISTRAZIONE DEVE ESSERE COMBATTUTA E CONTROLLATA, E GLI AIUTI AI PAESI STRANIERI DEVONO ESSERE RIDOTTI AFFINCHÉ ROMA NON FALLISCA. LE PERSONE DEVONO ANCORA IMPARARE A LAVORARE INVECE DI VIVERE CON L'ASSISTENZA PUBBLICA.

La dittatura perfetta avrà sembianza di democrazia. Una Prigione senza muri nella quale i prigionieri non sogneranno di fuggire. Un sistema di schiavitù dove, grazie al consumo e al divertimento, gli schiavi ameranno la loro schiavitù. Aldous Huxley


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CONTRA FACTUM NON VALET ARGUMENTUM !!!


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA



SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


mercoledì 11 novembre 2020

 

RIGATONI E CAVOLFIORI AL FORNO

 

INGREDIENTI: RIGATONI ( o pasta simile )250 GR. – CAVOLFIORE: 400 GR. – OLIVE NERE DENOCCIOLATE: UNA QUINDICINA – ALICI SALATE SOTT’OLIO: CINQUE O SEI – OLIO EVO: SEI CUCCHIAI – SCAMORZA AFFUMICATA: 150 GR. – FILACCINI DI MORTADELLA: 25 GR. – PARMIGIANO GRATTUGIATO: 50 GR. – BURRO: 25 GR. – PANGRATTATO E SALE: QB. – CIPOLLA: 25 GR. 

TEMPO:90 MIN. – DIFFICOLTA’: FACILE – DOSI PER 4 PERSONE. 

Dunque, dove eravamo rimasti? Ah sì ricordo: patate e cavolfiore al forno!

Ridurre in piccolissime cime i cavolfiori e cuocerli in abbondante acqua normalmente salata. Scolarli e sistemarli momentaneamente in un ciotola capiente. In una padella anti aderente di più che medie dimensioni versare l’olio, le alici salate, le olive nere e la cipolla tritatissima. Soffriggere per cinque o sei minuti dopo di che unire il cavolfiore. Regolare di sale e cuocere per una decina di minuti. Nella pentolina dove si son cotti i cavolfiori cuocere i rigatoni e scolarli al dente. Cospargere ora con la metà del parmigiano grattugiato.

Ho usato uno stampo di alluminio. Ungere lo stampo e foderarlo col pangrattato eliminandone l’eccesso.

Nello stampo versare un primo strato di rigatoni conditi sul quali mettere la scamorza affumicata e gli straccetti di mortadella. Coprire il primo strato con un secondo sul quale mettere una manciata di parmigiano ben distesa, una bella spolverata di pangrattato sul quale mettere qualche fiocchetto di burro. Infornare a 180 gradi in forno precedentemente riscaldato per cica 25 minuti fin quando non si sarà formata la deliziosa crosticina. Buon appetito e ricordatemi nelle vostre preghiere !! ( ovviamente se sono in mio favore, altrimenti astenetevi: Grazie )

 

Nessun commento:

Posta un commento