OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici



IL ""MIO DIARIO"" SI E' TRASFERITO ALTROVE

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

mercoledì 6 maggio 2020


SIAMO SEMPRE IN CRISI ENDOGENA ED ESOGENA !

La “Sindrome di Stoccolma” descrive un particolare stato di dipendenza psicologico-affettiva che vede la vittima andare mani a mani col suo carnefice.
In medio stat virtus! E siamo a due citazioni e questo mi serve per cominciare la mia filippica odierna!
Un sondaggio della Luis ci dice che più della metà degli italiani vorrebbe abbandonare la micidiale moneta unica e buona parte degli intervistati vorrebbe addirittura abbandonare l’Europa, tipo Italiaexit!! Siamo alla fine ? Non credo, ma ciò che comincia a gironzolare nelle nostre teste potrebbe essere più pervasivo del corona virus. Ovviamente gli estremisti oggi sono poco seguiti nel senso che chi vede l’Europa della Merkel e di Rutte come nostra amorevole e comprensiva amica si contrappongono a quelli che la vivono come una congrega di Stati che pensano esclusivamente ai propri interessi giustificando questo famelico atteggiamento come un giusto rigore posto in atto per assicurare la sopravvivenza stessa dell’Europa.
Entrambi gli estremisti sono in madornale errore, un po’ meno quelli che descrivono l’Europa a trazione tedesca e priva di aiuti e considerazioni effettivi nei nostri confronti, anche se noi non siamo del tutto privi di responsabilità per la nostra situazione socio-economica!
Ora la Corte tedesca è pronta a ingiungere alla Bundesbank di uscire dalle operazioni della Bce, mentre Lagarde e i suoi hanno rifiutato di riconoscerne l’autorità su di loro. Se la Bundesbank dovesse uscire dalle operazioni della Bce questa non avrebbe la capacità di fuoco di adesso e quindi non potrebbe acquistare i titoli di Stato dei paesi in difficoltà tra i quali primeggia l’Italia. Se la Bce non acquista i nostri titoli questi diventerebbero carta straccia dalla cui qualifica siamo lontani di appena una lineetta!
E cosa dice il nostro Roberto Gualtieri storico e accademico italiano, dal 5 settembre 2019 ministro dell'economia e delle finanze nel Governo Conte II ? «Sentenza tedesca su Bce non avrà conseguenze dirette su Italia»
Vorrei sommessamente far notare all’ineffabile accademico che se la Bce non compera i titoli di Stato italiani lo spread supererebbe i terrificanti 585 punti base che sconfissero il Cavaliere, che i costi per il servizio del debito salirebbero esponenzialmente, la nostra economia ne soffrirebbe fin quasi a morirne, il governo dovrebbe chiedere sacrifici fiscali a tutti, principalmente ai pensionati classica categoria improduttiva e considerata sempre il bancomat statale! Ma questo realistico scenario è sconosciuto all’ineffabile accademico d’Italia!!
Quando la situazione diventa sempre più difficile si dovrebbero accantonare le rigide regole interne ed esterne e, cambiando l’accademico, trovare soluzioni condivise. Primum vivere deinde philosophari del buon Orazio.
Si pensi ad un naufrago in procinto di annegare e che annaspa disperatamente e sa che non può aggrapparsi ad un tronco galleggiante, non lo può fare con una grossa radice che si abbevera nei gorghi, non riesce a prendere al volo un salvagente che gli viene lanciato tra i battimani degli spettatori, ma che gli arriva alle spalle. Questa metafora descrive quello che stiamo vivendo: è colpa nostra se siamo caduti in acqua, ma siamo danneggiati due volte se non possiamo aggrapparci ai sostegni ed alcuni – accademici e no – ci dicono che dovremmo ringraziare chi generosamente ci ha lanciato il salvagente se mai togliendolo dalla sua barca lunga un centinaio di metri e zeppa di ogni confort. Carissima Germania, a proposito di barca ricordati che nel 1953 ti sono stati condonati i debiti di guerra e noi fummo tra i primi e senza il nostro aiuto saresti fallita per la terza volta !
Fine della parte seria!!
=============
A volte si impazzisce…ragionevolmente! Mi sono domandato quale fosse il problema che dovremmo risolvere. L’immissione nelle tasche degli italiani, famiglie ed aziende, ma non si può fare perché non possiamo stampare carta moneta dal momento che questa funzione è governata dalla Bce. Cosa fare allora? Se famiglie ed aziende potessero ricevere un pacchetto postale con qualche carta moneta di tutti i tagli e potessero poi spenderla  come sempre e quanto se ne vuole, non ci sarebbero crisi finanziarie, le fabbriche lavorerebbero e le famiglie spenderebbero felicemente. Quesito: come fare ? E qui dovrebbe entrare in funzione la riconosciuta fantasia italica. Si dovrebbe chiudere un occhio ( meglio se due ) e permettere ad una premiata ( e ricercata ) ditta di una ridente città dell’inferiore Sud di stampare quei famosi bigliettoni che tanto bene apporterebbero. Meglio ancora se potessero essere piazzati al nord Europa per fare andare fuori di testa Merkelrutte!!!
La stampa illegalmente legale delle banconote non è un’invenzione, basta leggere cosa vie riportato nel libro “Anatomia di una banconota: dall'arte alla tecnologia Di Gaetano Russo, Giovanni Ardimento: “””Nella storia delle emissioni non tutti i falsi sono il frutto di iniziative private tese a defraudare i terzi e ad aggirare le leggi dello Stato, ma in circostanze particolari, specie durante le evenienze belliche, i paesi in conflitto tra loro possono decidere di adottare le armi della “ guerra finanziaria” per neutralizzarsi l'un l’altro. Il caso più eclatante, in cui la produzione di biglietti falsi è non solo autorizzata ma addirittura imposta, pianificata e condotta su vasta scala da uno Stato è certamente l’Operazione Bernhard, avvenuta durante la seconda guerra mondiale in Germania. Disposta dal Comando Supremo e gestita con la massima segretezza, questa operazione prevedeva la produzione massiccia di sterline inglesi ( nei tagli da 5, 10, 20 e 50 sterline) onde destabilizzare,mediante la loro graduale messa in circolazione l’intera economia britannica e ridurla in ginocchio.
Quindi “A’ la guerre comme à la guerre”!!
Del resto basta vedere come si organizza!

NB. in nessun caso questo post vuole essere una istigazione a delinquere. E' un consiglio semi serio al governo italiano!





Nessun commento:

Posta un commento