OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici



IL ""MIO DIARIO"" SI E' TRASFERITO ALTROVE

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

giovedì 19 marzo 2020



IL ROMPICOGLIONI 2

Vi è l’abitudine di fare vedere in televisione sia RAI che Mediaset il flash mob di persone che dalle finestre e dai balconi cantano a squarcia gola canzoni di beata felicità! Mi sembra una vera e propria imbecilleria! Capirei, come in tempo di guerra – e questa che stiamo vivendo adesso è una vera e propria guerra – che si inneggi alla nazione e si canti l’inno nazionale, speranza per i vivi e pietà per i morti. Non è che durante un bombardamento ci si esponeva al balcone per cantare:
“Felicità
È un bicchiere di vino con un panino, la felicità
È lasciarti un biglietto dentro al cassetto, la felicità
È cantare a due voci quanto mi piaci, la felicità

Felicità”
Due o tre infermieri della neuro sopravvissuti alle bombe avrebbero preso i canterini per ricoverarli adeguatamente con o senza la camicia di forza.
Oggi, tutti conoscono il bollettino di guerra che al 19 marzo 2020 fa registrare 41.035 casi positivi e 3.405 vittime.Abbiamo superato i morti della Cina!!! Mai così tanti morti (475) solo oggi; altri 5 medici morti, che portano il totale a 14 vittime; una lunga fila di camion militari che trasportano le bare dalla bergamasca in Emilia per la cremazione. Parenti che non hanno assistito all’ultimo respiro dei loro cari e forse nemmeno alla tumulazione. In questo desolato scenario i canterini sui balconi intonano “Oje vita, oje vita mia, Oje core 'e chistu core, si stata 'o primmo ammore e 'o primmo e ll'ùrdemo sarraje pe' me””!
Cosa hanno da cantare? Sarebbe sufficiente esporre soltanto la bandiera italiana se mai listata a lutto!
Noi siamo proprio tutto, siamo anche un popolo di caciaroni e se le televisioni ignorassero questo teatrino non ci sarebbero emuli bene organizzati con altoparlanti e coperchi sbattuti tra loro per imitare i piatti di un’orchestra!
Diamoci una calmata, siamo seri e soprattutto rispettiamo la morte di tanti connazionali e il dolore dei loro parenti!
Canteremo tutti quando il suono delle campane a distesa ed a festa annunceranno la fine di questa pandemia! 

Nessun commento:

Posta un commento