OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici



IL ""MIO DIARIO"" SI E' TRASFERITO ALTROVE

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

lunedì 23 marzo 2020


DEDICATO A CLAUDIA FUSANI
Ci sono trasmissioni televisive alle quali si chiede il boom di ascolti a prescindere dalle verità elargite ai telespettatori. Volete quasi generare una rissa? Allora chiamate Vittorio Sgarbi che non  esiterà a mandare sonoramente a quel paese i suoi compagni di trasmissione. Volete generare un sentimento di grande e generale commozione? Allora mandate in onda l’intervista alla mamma di una povera ragazza stuprata ed uccisa dal solito delinquente. In poche parole si crea una trasmissione e prima di essa si vuole ottenere un elevato indice di ascolto utilizzando i moduli suddetti.
Ieri assistevo ad una trasmissione televisiva ovviamente sul  corona virus che oramai ci ha distrutto fisicamente e moralmente. A questa trasmissione partecipava una giornalista onnipresente in quasi tutti i talk show la dottoressa Claudia Fusani ( mi dispiace tantissimo l’assonanza col mio cognome ) di estrazione di estrema sinistra, giornalista a La Repubblica e alla defunta L’Unità nota per il suo anticonformismo. Nella trasmissione si discettava sulla imbecillità di coloro che continuano a pascolare nonostante i divieti  imposti dalla legge e soprattutto dalla logica conclusione che circolare al momento sia dannoso sia per l’imbecille che per tutti gli altri! A questa doglianza si ipotizzava l’impiego dell’esercito da schierare lungo le strade sia come identificazione degli imbecilli – tranne coloro rientranti nelle situazioni di compatibilità – sia come deterrente. Ma la dottoressa affranta e dolorante si lasciava andare ad un grido di dolore: “mai l’esercito in strada” !!!La gentilissima dottoressa dovrebbe spiegarci allora come fare a pretendere che le persone non escano da casa, forse con una tavola rotonda per convincere il recalcitranti a non abbandonare la tana? La gentilissima dottoressa giornalista di area dovrebbe sapere – forse mi illudo – che le leggi vanno rispettate agendo o con la pena o con il premio, tertium non datur!! La gentilissima dottoressa giornalista potrebbe democraticamente proporre un premio di un paio di migliaia di euro per coloro che possano dimostrare di non essere usciti di casa per almeno due mesi!! Se non premi allora punisci!!
La gentilissima dottoressa pensa forse che siamo pronti ad un regime totalitario con il comandante dell’Arma diretto a Montecitorio per arrestare – sempre se li trova – i deputati, passando subito dopo dal Senato della Repubblica ed infine dal Quirinale?
Io penso che se in un momento di guerra come tutti dicono ed io per primo sostengo, le disposizioni logiche e necessarie devono essere rispettate costi quel che costi. Io sarei felicissimo carissima e gentilissima Claudia Fusani se affacciandomi al balcone di casa vedessi una bella camionetta dell’esercito con paletta e…..mascherina, fermare una macchina o un runner per chieder l’autocertificazione che attesti la necessità di trovarsi in quel posto diretto verso i luoghi consentiti. Non penserei alla perdita della libertà o della privacy, penserei alla mia salute, a quella dei mei cari e purtroppo anche a quella della gentilissima dottoressa giornalista
Chi non ha nulla da temere non dovrebbe mai lagnarsi per alcune misure tipo telecamere fisse in ogni dove, controlli tipo intercettazioni e qualche ben sistemata camionetta dei carabinieri o dell’esercito. Chi teme queste misure  o è in vena di commettere qualcosa di proibito o è vittima di una mal vissuta idea di democrazia!

Nessun commento:

Posta un commento