OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CONTRA FACTUM NON VALET ARGUMENTUM !!!

CHI STA AL POTERE PRENDE I GERMI DEL POTERE ( Massimo Giletti )

QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici


SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


giovedì 1 ottobre 2020

 

RISOTTO SEMPLICISSIMO ED ECONOMICO

 

INGREDIENTI: RISOTTO CARNAROLI: TRE TAZZINE DA CAFFE’ – OLIO EVO: SEI CUCCHIAI – GAMBERI GRIGI: 500 GR. – PREZZEMOLO ED AGLIETTO: AD LIBITUM  ( senza esagerare ) – OLIO DI GIRASOLE: QB. DADO DI PESCE KNORR: UN CUCCHIAINO -  SALE E PEPE: QB

TEMPO: 60 Min – DIFFICOLTA’:FACILE – DOSI PER 3 PERSONE

 


Ci sono gamberi e gamberi. Quelli rossi di Marzara del Vallo, quelli di Santa Margherita Ligure tutti nobili e di bell’aspetto e poi ci sono quelli leggermente plebei, grigi, umili, ma molto buoni e poco costosi.

Fatta questa premessa mi è venuto in mente di fare un risotto che mi avrebbe fatto gridare di gioia. ( come si vede non ho tante pretese, basta poco per farmi felice )

Ho liberato quasi tutti i gamberi dal loro carapace conservandone cinque o sei interi per la guarnizione. Ho ridotto in pezzetti poco più della metà dei gamberi puliti mantenendone interi gli altri. In una casseruola per risotti ho messo l’olio e appena caldo cinque o sei cucchiai di prezzemolo ed aglio tritato,conservandone pochissimo, e dopo qualche secondo, appena si avverte il classico profumino, ho aggiunto i gamberi tagliati. Dopo tre minuti, appena i gamberi sono diventati rosa, ho aggiunto il riso. Nel frattempo ho portato in ebollizione l’acqua leggermente salata, nella quale ho messo un cucchiaino di brodo di pesce.( il brodo di pesce Knorr è veramente eccezionale ).

Ho iniziato a fare un comunissimo risotto sfumandolo con del vino bianco secco, ( mezzo bicchiere da vino ) aggiungendo di tanto in tanto un mestolino di brodo. A metà cottura ho unito parte del prezzemolo ed aglio non utilizzato interamente in principio. Poco prima della cottura, fatta sempre a fuoco…allegro, ho aggiunto i gamberi lasciati interi, un po’ di prezzemolo tritato. I gamberi lasciati nel loro carapace li ho infarinati,fritti nell’olio di semi di girasole e leggermente salati, da utilizzare  per la guarnizione.

Ho impiattato il risotto avendo cura di inserire ovviamente i pezzetti di gambero e qualche gambero intero del risotto. Prima di portare in tavola ho messo un paio di gamberi fritti sulla sommità del piatto,ho aggiunto un pizzico di pepe. Ho ritrovato il libretto dei canti sacri ed ho preso a cantare……Oh che giorno beato il Ciel ci ha dato……ecc.ecc.

 

 

Nessun commento:

Posta un commento