OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"Le finanze pubbliche devono essere solide, il bilancio deve essere equilibrato, il debito pubblico deve essere ridotto, l'arroganza dell'amministrazione deve essere combattuta e controllata, e gli aiuti ai paesi stranieri devono essere ridotti affinché Roma non fallisca. Le persone devono ancora imparare a lavorare invece di vivere con l'assistenza pubblica. »


IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CONTRA FACTUM NON VALET ARGUMENTUM !!!

CHI STA AL POTERE PRENDE I GERMI DEL POTERE ( Massimo Giletti )

QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA

Donne e giovinetti amanti, viva Bacco e viva Amore! Ciascun suoni, balli e canti! Arda di dolcezza il core! Non fatica, non dolore!

Due strofe dal " trionfo di bacco ed arianna" di LORENZO de' medici


SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


mercoledì 29 gennaio 2020


LA LUNGHEZZA DEI FAGIOLINI E LA CURVATURA DELLE BANANE
Esattamente così! Uno dei più grandi cestisti al mondo Kobe Bryant, cresciuto fisicamente e cestisticamente in Italia, amante del nostro paese come pochi,  è deceduto tragicamente il 26 gennaio scorso assieme alla sua amatissima figlia Gianna Maria.
Durante la partita di Coppa Italia Milan – Torino si era pensato di dedicargli un minuto di silenzio anche perché Kobe Bryant era un tifoso del Milan.
Arriva però la burocrazia dei fagiolini e delle banane della nostra Unione Europea!
Occorre avere autorizzazioni per indossare una fascia al braccio in segno di lutto; occorre avere un’altra autorizzazione per osservare un minuto di silenzio prima del calcio di inizio. Mi domando quale danno avrebbero fatto queste operazioni senza la prescritta autorizzazione? E’ forse un protocollo simile a quello che i chirurghi devono osservare pedissequamente per i loro interventi?
Prima della partita i giocatori si stavano dirigendo al centro del campo sistemandosi a semicerchi contrapposti per cingersi con le braccia per osservare il minuto di silenzio quando l’arbitro Pasqua, forte della sua sconfinata autorità, ha proibito la prosecuzione della disposizione dei giocatori a semicerchio per il minuto di silenzio facendoli schierare per il normale inizio della partita.
Meno male che la società ha pensato bene di ricordare Kobe spegnendo le luci del campo, inserendo in alto sullo schermo la foto del povero giocatore scomparso e mandando l’audio  con la voce di Freddie Mercury che cantava “Who wants to live forever” Chi vuole vivere per sempre!
Al 24° dell’incontro gli spettatori hanno spontaneamente fatto partire un applauso per ricordare il povero Kobe! Bravissimi tutti, spettatori e società!
L’arbitro Pasqua deve vergognarsi; negare un minuto di silenzio previsto per onorare un grande sportivo perché privo di autorizzazione, della firma su di un certificato e nei suoi tempi di consegna nel suo camerino. Insomma una vera e propria mancanza di sensibilità. Mi domando infine cosa sarebbe successo al povero Pasqua se avesse consentito il minuto di silenzio? Avrebbe perso il posto lautamente pagato? Sarebbe stato spedito ad arbitrare partite di serie D ? Avrebbe dovuto versare una consistente multa alla sua organizzazione arbitrale? Nulla di ciò. Il povero Pasqua ha voluto manifestare la sua onnipotenza, come dire “ io sono io e voi non siete un c***o!

Nessun commento:

Posta un commento