OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

giovedì 26 ottobre 2017

SIGNORI IN CARROZZA !

Gli ultimi samurai sono attorno al Granduca ferroviario per proteggerlo dai commenti caustici di chi lo vede come un ragazzino leggermente disadattato. Disadattato? Molto probabilmente ! Recentemente ho letto sulla stampa libera una sfilza di dichiarazioni di don Matteo immediatamente smentite dai fatti o dalle correzioni ad orologeria.  La genesi di queste dichiarazioni mendaci fu il celeberrimo “ Enrico stai sereno “ (che già ti preparo la pugnalata).
Sulla vicenda del governatore Visco si è comportato come uno stratega perdente per natura allorquando la deputata Pd Silvia Fregolent, che non si sarebbe mai occupata nella sua carriera di questioni inerenti Bankitalia e non avrebbe le competenze necessarie, viene descritta come una boschiana di ferro, scrive e presenta una mozione contro il governatore della Banca d’Italia.
Ora sua grazia Maria Elena ha sempre dichiarato che vi era una dicotomia tra lei e le banche in genere ed in particolare con la banca quasi di famiglia dal momento che il babbo ed il fratello ( e se ci fosse stato un figlio anche lui )prestavano la loro opera tra le mura bancarie. A parte le incontrovertibili attenzioni verso i probabili salvatori di Banca Etruria, Maria Elena appena ha potuto, forse mal consigliata, ha chiesto alla quasi sconosciuta Fregolent a lei vicinissima, di presentare una mozione anti Visco.
Sarebbe stato accettabile da tutti se, nel rispetto delle singole prerogative e delle leggi vigenti, il Presidente del Consiglio avesse chiesto lumi alla Banca d’Italia sul successore di Visco e poi avesse sottoposto l’indicazione  al placet di Mattarella che ne avrebbe firmato la nomina del nuovo o la riconferma del vecchio.
Ma così facendo il ducetto non avrebbe tratto vantaggio elettorale!
Il Granduca di Toscana, il cui treno non incontra folle osannanti alle fermate del tutto segrete, ha pensato ad una mossa elettorale: divento paladino dei clienti distrutti dai manager bancari contro il governatore che avrebbe dovuto intervenire anzitempo evitando i disastri. Indossa quindi l’usbergo, la maglia in ferro, sguaina la spada e si mette alla testa dei poveri truffati. Quindi votate per me che continuo a proteggervi! E ki t cred! Che nel linguaggio arcaico della Puglia del nord significa: e chi ti crede !
Qualche giorno fa il Capotreno con destinazione Italia ( infatti noi siamo nel terzo mondo ) ha affermato a proposito della nomina di Visco “”Voglio essere chiaro: la difesa a oltranza di Visco non sta nei miei desideri segreti. Ma qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema"”. Oggi quando è emersa la volontà di Paolo il freddo di riconfermare Visco,  ha fatto una brevissima dichiarazione il cui incipit recita: “”«Se Gentiloni sceglie Visco non lo condivido ma andiamo avanti lo stesso»””.
Ora è chiaro che Renzi è solo contro tutti tranne contro i suoi giapponesi ed in queste condizioni ci si avvia alle elezioni con una legge elettorale che molto probabilmente lo danneggerà in modo definitivo. Legge malfatta che prevede coalizioni che possono essere portate a termine solo dal così detto Centro Destra, dal momento che nel campo avverso vi è una miriade di partitini tutti di sinistra ma tutti contrari a coalizioni anche elettorali.
Credo che assisteremo agli ultimi giorni di Pompei, scusate volevo dire Pompeo. Oggi sono dislessico volevo dire Matteo. Sempre con” eo “ finiscono i nomi!

Nessun commento:

Posta un commento