OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

martedì 27 ottobre 2015

VALENTINO ROSSI - MARC MARQUEZ
  0 -  0 

Dopo alcune ore di riflessione e di visione di filmati, ripresi da diverse inquadrature, le ripetute e gravissime provocazioni di Marquez a Valentino Rossi appaiono di una evidenza impressionante. Mi riesce difficile comprendere la decisione della Direzione di gara presa con incredibile velocità.


Da questo filmato e meglio ancora da quello mandato in onda oggi da LA 7 si vede benissimo che prima della caduta  Marquez appoggia il casco sulla coscia di Valentino che altro non poteva fare che scostarlo.
Prima di questo episodio Marquez aveva spinto diverse volte Valentino verso l'esterno, in un altra occasione lo aveva superato, aveva poi rallentato e tagliato la strada nascondendogli l'angolo per impostare la curva. Prima dell'episodio importante Marquez, sulla destra di valentino, gli aveva colpito la  mano. Basta questo per stigmatizzare la decisione della Direzione di gara.
Marquez che come dice lui correva per vincere si è lasciato superare da Jorge Lorenzo senza opporre una benchè minima resistenza per poi dedicarsi alla guerra con Valentino per raggiungere il suo solo scopo: quello di buttare fuori pista Valentino o quanto meno di rendergli la vitta estremamente difficile fino al punto da ricevere il così detto " fallo di reazione ", cosa del tutto deprecabile, ma comprensibilissima.
Valentino Rossi si era già accorto dell'intesa di Marquez con Lorenzo sin dal precedente gran premio e, non potendone più, si era lasciato andare ad alcune dichiarazioni, da molti criticate, giusto appunto, per far capire che aveva scoperto la combine. Moltissimi avevano anche previsto la reazione di Marquez che poi non ha deluso le attese.
So che vi è una sottoscrizione arrivata a ben 250.000 firme per chiedere una revisione della sanzione e spero che si ottenga il risultato sperato. In casi del genere si punisce  sia chi prima fa il fallo e poi chi ha reagito. Nel caso in esame si è voluto punire Valentino Rossi al quale sarebbe stato sufficiente infliggergli - se proprio lo si voleva condannare - una retrocessione in griglia di cinque posizioni. In questo caso si è voluto eliminare un concorrente validissimo per favorirne un altro che si gode la scena con malcelata soddisfazione.
IO STO CON VALENTINO !

Nessun commento:

Posta un commento