OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

mercoledì 17 febbraio 2016

ATTACCO ALLE PENSIONI DI REVERSIBILITA'


Sino al 1995, quando moriva un lavoratore in attività o un pensionato, la vedova (o il vedovo) aveva diritto al 60% di quello che spettava (o sarebbe spettato) al defunto, indipendentemente dalla sua situazione economica.
Dal 1995 in poi le disposizioni di legge sono cambiate e il 60% della pensione del coniuge defunto diventa un sogno per pochi. Ecco come la quantità di denaro arriva al beneficiario:

se il coniuge superstite ha un reddito Irpef superiore a tre volte il trattamento minimo Inps (19.574 euro per il 2016) ha diritto al 75% della pensione di reversibilità che gli sarebbe spettata normalmente. Vale a dire il 75% del 60% cioè il 45% della precedente pensione;
Se il reddito Irpef è superiore a quattro volte il trattamento minimo Inps (26.099 euro, per il 2016) il taglio arriva al 40%. Vale a dire il 40% del 60% cioè il 35% della precedente pensione;
se il reddito Irpef è superiore a cinque volte il trattamento minimo Inps (32.623 euro per il 2016) il taglio arriva al 50% del 60%, cioè la pensione di reversibilità arriva al 30% della vecchia pensione.
In poche parole se la pensione lorda mensile è di 2.500 euro per 13 mensilità al coniuge superstite partendo da  1.500 euro lordi ( 60% di 2.500 euro ) arriverebbero in tasca 750 euro lordi per 13 mensilità.
Il ceto medio continuamente sotto assedio dovrebbe chiedere l’intervento delle Nazioni Unite o probabilmente cominciare a vivere rosicchiando i mattoni della propria abitazione partendo ovviamente da quelli meno indispensabili per mantenere in piedi la struttura del caseggiato.
Per difendermi dall’attacco in preparazione dall’attuale capo del governo mi sono recato da mia moglie e le ho detto:
-         Cara ti devo parlare.
-          Dimmi amore.
-      Sai il governo sta mettendo mani alle pensioni di reversibilità e probabilmente  alla mia morte ti spetterebbe una vera e propria miseria che difficilmente ti  permetterebbe di campare specialmente se i malanni della vecchiaia, e non solo  quelli, ti costringerebbero a ricorre a badanti o simili assistenti.
-         Ebbene ?
-         Allora avrei pensato ad una soluzione per sottrarci ai danni che provocherebbe  la legge che si pensa di modificare.
-         Quali, amor mio?
-         Cara non ti resta che morire al più presto!
-         Scusa , ma non sarebbe meglio che morisse l’attuale governo?
-      Certo cara, ma tutti i deputati e senatori con tutta la pletora di consulenti sono così attaccati alla sedia, meglio chiamarla poltrona, che di tornarsene a casa proprio non ne vogliono nemmeno sentir parlare. Non ti resta quindi di provvedere alla bisogna, cioè, tirare le cuoia e buona notte!
-        Ok, per il momento soprassediamo, quando sarà varata la legge l’approfondiremo sperando di capire esattamente cosa contiene e poi ne riparleremo.
-        Bene cara sono contento che approvi la strategia così lo metteremo in quel posto a questi lestofanti.



Nessun commento:

Posta un commento