OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA
CHE SI FUGGE, TUTTAVIA
CHI VUOL ESSER LIETO SIA
DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:

il mio diario ( PENSIERI IN LIBERTA' )

SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

mercoledì 6 agosto 2014

CORTOCIRCUITO


Oggi è stato proclamato lo stato di recessione tecnica. Siamo in rianimazione, ma il primario ci dice che guariremo, dobbiamo dargli fiducia e se siamo recalcitranti se la prende !
In Italia non ci sono soldi da spendere, quindi le merci non si producono, le imprese chiudono o si trasferiscono in Polonia oppure in Croazia, lo Stato incassa di meno e se non riduce sensibilmente le spese il futuro da nebuloso diventerà tempestoso.
Ridurre le spese, Cottarelli o non Cottarelli, significa ridurre le prestazioni che lo Stato fornisce nella sanità e nelle pensioni,lasciando intatte le consulenze ed i privilegi per i soliti noti. Ciò comporta ancora una tosatura nelle già esangui italiche tasche, ovviamente quelle del ceto medio che ha davanti a se una strada terribilmente in discesa che in poco tempo lo farà approdare nella zona della povertà più o meno grave.
Il governo dovrebbe fare qualcosa oltre a raccontare favole e darsi scadenze del tutto inverosimili, quasi temerarie. Cosa fare? Spendere dei soldi! Dove prenderli se la nostra cara Europa ci stritola con in suoi demenziali parametri?
I cittadini non spendono, le imprese non producono, lo Stato non incassa, il debito pubblico aumenta a vista d’occhio, lo spread torna a salire cancellando i previsti benefici derivanti dal minor costo degli interessi che lo Stato deve pagare e quindi lo scenario è semplicemente fosco !
Noi cerchiamo di scrivere un paragrafo della nostra costituzione per la trasformazione del senato in un dopolavoro di consiglieri regionali che a protezione delle probabili traversie si trasferiranno nel senato per godere dell’immunità e di qualche lauto rimborso spese. Il nostro Duce comincia a mettersi in rotta di collisione con alcuni personaggi del suo entourage, decisionista e logorroico, mentre…..sul ponte sventola bandiera bianca!
Prima del senato si dovrebbe parlare di economia. Come e con chi? Non si sa ! Ora facciamoci le vacanze in santa pace, lasciamo che Padoan profetizzi negativamente sul nostro futuro e poi a settembre si vedrà.
Si pensa di spostare il prelievo fiscale dagli stipendi e pensioni per posizionarlo sui consumi, ma i progettisti non hanno studiato il principio dei vasi comunicanti. La somma algebrica tra la maggiore entrata e la maggiore spesa per i prodotti tassati è pari allo zero !

La cravatta che ci strangola è rappresentata dall’economia debolissima con una moneta fortissima. La soluzione? Domandatela ad un ragioniere che si è appena diplomato con poco più della sufficienza. Inserire la politica in una formula matematica genera solo una colossale confusione e produce sicuramente disastri nella vita dei……..sudditi!

Nessun commento:

Posta un commento