OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

La moralità non è propriamente la dottrina del come renderci felici, ma di come dovremo diventare degni di possedere la felicità. (Immanuel Kant )


Cicerone:
(106 a.C. 43 a.C. )

"LE FINANZE PUBBLICHE DEVONO ESSERE SOLIDE, IL BILANCIO DEVE ESSERE EQUILIBRATO, IL DEBITO PUBBLICO DEVE ESSERE RIDOTTO, L'ARROGANZA DELL'AMMINISTRAZIONE DEVE ESSERE COMBATTUTA E CONTROLLATA, E GLI AIUTI AI PAESI STRANIERI DEVONO ESSERE RIDOTTI AFFINCHÉ ROMA NON FALLISCA. LE PERSONE DEVONO ANCORA IMPARARE A LAVORARE INVECE DI VIVERE CON L'ASSISTENZA PUBBLICA.

La dittatura perfetta avrà sembianza di democrazia. Una Prigione senza muri nella quale i prigionieri non sogneranno di fuggire. Un sistema di schiavitù dove, grazie al consumo e al divertimento, gli schiavi ameranno la loro schiavitù. Aldous Huxley

Le regole di maggioranza funzionano solo se si considerano anche i diritti individuali: non si possono avere cinque lupi e una pecora che votano su cosa cucinare per cena. (Larry Flynt)

NON E' UNA COLPA DESIDERARE UN ATTIMO DI PACE ALMENO AL TRAMONTO DELLA VITA. ( JOHN LE CARRE' )

Quando a causa degli anni

non potrai correre, cammina veloce.

Quando non potrai camminare veloce, cammina.

Quando non potrai camminare, usa il bastone.

IL MEGLIO E' NEMICO DEL BENE!!

CONTRA FACTUM NON VALET ARGUMENTUM !!!


QUANTO E’ BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE, TUTTAVIA CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V’è CERTEZZA



SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU



PROPOSTE DI CUCINA DAL WEB ( per conoscerle cliccaci su )


giovedì 29 aprile 2021

 

DEI DELITTI E DELLE PENE ( Secondo me ) 

Vi sono delitti che gridano vendetta davanti a Dio! 

Aiutato da tre amici, il 17 aprile 1991, nella sua casa di Montecchia di Crosara, Pietro Maso uccise entrambi i suoi genitori, Antonio Maso e Mariarosa Tessari al fine di appropriarsi della sua parte di eredità; 

Il 21 febbraio 2001  Erika De Nardo (Novi Ligure, 28 aprile 1984) di sedici anni e l'allora fidanzato Mauro Favaro, detto "Omar" (Novi Ligure, 15 maggio 1983) di diciassette anni, uccisero la madre di lei ed il suo piccolissimo fratellino e per puro caso non fecero fare la stessa fine al padre di lei;  

Lunedì 4 gennaio 2021 - emerge dai verbali degli interrogatori in cui Benno Neumair, il trentenne insegnante alle scuole medie con la passione del fitness, ha confessato di aver assassinato la madre Laura Perselli, 68 anni e il padre Peter Neumair, 63, insegnanti in pensione. 

Il 23 aprile 2021 Elena e Giovanni per la strage di Avellino stabilirono che: “Non deve rimanere nessuno.” Il padre di lei Aldo Gioia è stato ucciso nel sonno con 14 coltellate da Giovanni perché si opponeva alla loro relazione. 

Tutti questi delitti hanno come motivazione il possesso delle proprietà o il contrasto alle volontà dei genitori sulle  frequentazioni degli assassini. 

Il trait d’union che unisce questi orribili delitti è l’atroce modalità di esecuzione. Stringere il collo dei genitori per causarne la morte è orribile. La vittima si dimena, ansima, strabuzza gli occhi e si arrende. L’assassino sente il calore della carne della vittima. Pietro Maso dopo aver tramortito i genitori infilò nella loro bocca sacchetti di plastica del supermercato aiutandosi con il manico di una scopa. Erica ed Omar massacrarono a coltellate la madre di lei infierendo poi sul fratellino di appena dieci anni somministrandogli un veleno per topi e annegandolo poi nella vasca da bagno.

Benno Neumair aggredì il padre strangolandolo con un laccio ed appena la madre fece ritorno a casa non ebbe nemmeno il tempo di togliersi il soprabito che fece la stessa fine.

Le morti in questione sono state violente ed atroci che hanno previsto il contatto fisico tra l’assassino e l’assassinato, assassini che per diversi anni hanno chiamato le loro vittime con i nomi dolcissimi di mamma e papà.

Persino in guerra si è pensato bene di evitare le morti a corpo a corpo preferendo quelle a lunga distanza in modo da non avere la visione delle morti stesse.

Vi sono esempi che i sopravvissuti abbiano non solo perdonato gli assassini dei loro famigliari, ma abbiano speso tempo e denaro per sottrarli a pene severe e col tempo ( mica tanto ) abbracciarli e stringerli affettuosamente al loro cuore. E il ricordo degli atroci spasimi delle morti dove sono andati a finire? Si abbraccia la figlia dimenticando l’avvelenamento e l’annegamento del fratellino di solo dieci anni? Pietro Maso, Erica ed Omar sono già fuori dopo pochi anni di galera ed è un vero scandalo. Questi assassini non avrebbero dovuto fare neppure un solo giorno di carcere se fossero stati dichiarati infermi di mente e quindi irresponsabili dei delitti, al contrario dovrebbero marcire in galera per il resto della loro vita. Io seguo alcuni programmi televisivi su delitti commessi negli Stati Uniti ed utilizzati come trame per filmati e osservo che le pene comminate sono perfettamente eque nel senso che un delitto se mai di impeto prevede una condanna ad una quindicina di anni, mentre delitti efferati commessi su più persone prevedono condanne esemplari pari ad un ergastolo per ogni vittima o reclusione fino a 150 anni, altri  delitti ancor più gravi ovviamente comportano la pena di morte che a volte è perfino benevola.

Tornando a noi ricordo la recente affermazione della madre di un’assassina che affermava ancor piangendo che non avrebbe mai abbandonato la figlia e che sarebbe stata sempre con lei. Io al posto della madre affranta avrei dimenticato l’assassina senza infierire, ma senza stringerla al mio petto a meno che non consideri le motivazioni del delitto giustificate o giustificabili!

So bene che molti benpensanti non sono d’accordo con le mie tesi pensando alla bellezza del recupero degli assassini che dopo poco tempo guadagnano la libertà e con essa un posto di lavoro, ma se consideriamo il simbolo della giustizia, la bilancia, possiamo mettere su un  piatto l’atroce delitto e sull’altro la redenzione dell’assassino? Pensate che i piatti restino in equilibrio? Io credo proprio di no!

 

Nessun commento:

Posta un commento