OGNI POLITICA DOVRA' PIEGARE LE GINOCCHIA DAVANTI ALLA MORALE.
IMMANUEL KANT

QUANTO E' BELLA GIOVINEZZA CHE SI FUGGE TUTTAVIA !
CHI VUOL ESSER LIETO SIA DI DOMAN NON V'è CERTEZZA

SEZIONE DEDICATA AL MIO DIARIO, SE VUOI CONSULTARLA CLICCA SU:


SE VUOI ASCOLTARE LE CANZONI E LE ROMANZE DI UNA VOLTA CLICCA SU

martedì 22 marzo 2016

SIAMO SOLO NELLE MANI DI DIO

Due sono soltanto le certezze: nessuna guerra ha mai vinto una guerriglia e nessun attentato con le connotazione di questi ultimi potrà mai essere previsto e debellato.
Nel recente passato Corea, Vietnam, Afganistan hanno segnato la sconfitta degli eserciti belligeranti.
Come si potrebbe mai fermare una persona distinta, ben vestita con un cartella griffata che si accinge al check - in e che ad un certo punto pigia un bottoncino e si fa esplodere portandosi dietro qualche decina di innocenti persone?
Il problema non è poi tanto tentare di scovare i Kamikaze e farli esplodere in un area semi deserta quanto mettere assieme una coalizione internazionale ed occidentale e cercare di annientare le organizzazioni e le persone semplicemente sospette di appartenere all’area jihadista.
Sarà poco democratico e forse inumano, ma andiamolo a dire alle numerosissime vittime di questi attentati, ai loro parenti straziati e soprattutto ai feriti che porteranno per sempre i segni della strage.
Forse i morti saranno stati più fortunati dei mutilati e sfigurati!
I governi dovrebbero adottare politiche restrittive al massimo della immigrazione. Non vedo perché si debba pensare che l’Islam sia moderato e che i jihadisti siano pochi scalmanati. L’occidente come fa a mantenere rapporti con l’Arabia Saudita che ammazza almeno una donna al giorno con una esecuzione che ricorda la macellazione di un maiale. Donna vestita di nero, inginocchiata al lato di una pubblica via mentre il carnefice brandisce una scimitarra e vibra un fendente ( speriamo preciso ) che fa rotolare a terra la testa della poveretta che prima di ricevere il colpo fatale grida a squarciagola la propria innocenza. E che dire poi di cinque o sei uomini dapprima decapitati con la stessa proceduta e poi innalzati con l’ausilio di una gru e lasciati penzolare per qualche giorno!! E’ vero che anche gli Stati Uniti applicano la pena di morte, ma questa viene eseguita con una procedura a volte indolore ed a volte problematica, in un ambiente asettico.
Il problema è mondiale, non vi sono zone franche, la prevenzione a volte funziona a volte non può far nulla ed allora occorre avere un’ atteggiamento di massima allerta eliminando ogni buonismo. Che senso ha permettere a mussulmani di entrare nelle nostre chiese per rivolgersi al Allah ? La nostra religione ci esorta ad accogliere ed integrare. Ebbene tutti coloro che compiono stragi atroci non arrivano con i barconi, ma sono già in Europa da molto tempo, abitano tra di noi, ma ci odiano ed odiano il nostro stile di vita. Il loro stile è la loro morte  e  quella degli altri colpevoli solo di trovarsi al momento sbagliato nel posto sbagliato.
Tornando alle decapitazioni arabiche mi chiedo cosa direbbe il mondo intero se tali scene si vedessero in Times Square ? Un terremoto di giudizi negativi e dispregiativi. Perché? Perché noi non importiamo petrolio dagli Stati Uniti.
Ci siamo inorriditi allorquando ci vennero mostrate le immagini del bimbo che alzava le braccia al tempo dei nazisti e poi 70 anni dopo non diciamo nulla nel vedere le decapitazioni da macellai in tuta bianca e barba incolta!!
Forse noi occidentali ci dovremmo un po’ vergognare nell’aver anteposto il business alla morale ed alla umana dignità.

2 commenti:

  1. Siamo in guerra e non ci saranno prigionieri.

    RispondiElimina
  2. Siamo in guerra e non ci saranno prigionieri.

    RispondiElimina